Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

Stop all’Associazione musicale "Così ha voluto la giunta"

Roberto Masini
Roberto Masini
Roberto Masini

Il post di Roberto Masini, direttore dell’Associazione musicale massese, realtà che per 40 anni ha gestito i corsi della scuola comunale di musica, va dritto al cuore dei social: la scuola, scrive, "dal 2022 interrompe la sua attività per volontà dell’amministrazione comunale in carica non riconoscente dell’operato svolto dall’Associazione musicale massese". Subito è un fuoco di fila sulla giunta del sindaco Francesco Persiani con una durissima nota anche da parte dell’Associazione Arci 31 Settembre: "Sicuramente seguiranno scambi di accuse reciproche ma quello che resterà è la perdita di un altro spazio culturale per la nostra città. Il primo pensiero che abbiamo fatto è che il progetto sul parco della Rinchiostra non prevede prigionieri: fuori ‘Mura Aperte’ dalla gestione del bar, fuori dalla villa ‘Associazione Musicale Massese’. Non è un complotto ma uno scarabocchio politico ben preciso che sta andando nella direzione prevista da questa amministrazione. Allo stesso modo hanno agito, recentemente, sul Castello Malaspina e il Rifugio Antiaereo della Martana".

In realtà, come anticipato da La Nazione qualche giorno fa, l’intenzione dell’amministrazione sarebbe quella di portare avanti la Scuola di musica, che è comunale, in via diretta: una proposta inserita nel piano degli obiettivi che prevede affidamenti diretti degli incarichi di docenza da parte di palazzo civico a professionisti esterni. Questo eviterebbe di ricorrere a un bando annuale di affidamento della gestione della scuola a una realtà terza, come l’Associazione musicale massese.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?