Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
24 giu 2021

Don Euro, la parola adesso passa al perito

Sarà uno psichiatra a dire se l’ex sacerdote era capace di intendere e volere quando chiedeva soldi ai fedeli e li spendeva con gli escort

24 giu 2021
maria nudi
Cronaca
I legali di don Euro in Tribunale per l’udienza insieme al perito di parte ascoltato ieri
I legali di don Euro in Tribunale per l’udienza insieme al perito di parte ascoltato ieri
I legali di don Euro in Tribunale per l’udienza insieme al perito di parte ascoltato ieri
I legali di don Euro in Tribunale per l’udienza insieme al perito di parte ascoltato ieri
I legali di don Euro in Tribunale per l’udienza insieme al perito di parte ascoltato ieri
I legali di don Euro in Tribunale per l’udienza insieme al perito di parte ascoltato ieri

di Maria Nudi Sarà la perizia disposta dal giudice Ermanno De Mattia, su richiesta della difesa, a valutare la capacità di intendere e volere di Luca Morini, ribattezzato don Euro per le vicende giudiziarie nelle quali l’ex parroco, ridotto allo stato laicale dal Vaticano, è rimasto coinvolto. Nella udienza del 7 luglio sarà conferito l’incarico al perito (uno psichiatra) che dovrà valutare se era capace di intendere e volere quando chiedeva il denaro dicendo che era per beneficenza e invece lo usava per gli incontri sessuali con i giovani che frequentava o quando si presentava con identità diverse (medico, magistrato). Il Tribunale si è riservato di decidere sulla richiesta del pm, Rossella Soffio, che ha chiesto di sentire come testimone l’ex vescovo Giovanni Santucci. Morini deve rispondere di estorsione, autoriciclaggio, detenzione e cessione di stupefacente e sostituzione di persona. "La storia di Luca Morini è una storia grigia di sofferenza", è un passaggio della deposizione dell’ultimo testimone della difesa, lo psichiatra Riccardo Dalle Luche. Il professionista fu chiamato nel 2017 dall’allora vescovo Santucci, preoccupato delle condizioni di salute di Morini. Lo psichiatra ha incontrato l’imputato di nuovo nel marzo scorso. Nella sua deposizione è emerso il disturbo bipolare che ha contraddistinto, con manifestazioni diverse (dalla depressione a manifestazioni espansive nelle quali la capacità critica di gestire gli eventi era ridotta) la vita di Luca Morini. Morini è rimasto orfano a 16 anni della madre, ha assistito alla sua morte da solo. La madre soffriva della stessa patologia. "Il padre aveva un carattere autoritario. Quando è morto, Luca Morini ha potuto manifestare la sua omosessualità repressa per tanti anni", ha spiegato il professionista sottolineando una attitudine a manifestazioni maniacali dell’imputato. Il testimone ha anche risposto alle domande del pm e del giudice De Mattia. "Quando si presentava con altre identità era consapevole, ma era ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?