Tennis donne: l’anno super. Una Paolini inarrestabile

Dopo aver battuto la Sakkari a Dubai, diventerà n. 23 al mondo. Ora la Rybakina

Tennis donne: l’anno super. Una Paolini inarrestabile

Jasmine Paolini ha superato anche una «big» come Maria Sakkari al torneo di Dubai: per la lucchese è davvero un anno d’oro

Bagni di Lucca ancora in festa. Jasmine Paolini, infatti, si è qualificata per i quarti di finale al torneo di Dubai, un Master 1000 WTA di notevole valore. Tre vittorie che porteranno la campionessa lucchese al suo ennesimo best ranking: da lunedì, infatti, sarà numero 23 al mondo. Incredibile, se pensiamo all’avvio del 2023. Sempre in rimonta, compreso il successo ottenuto in due set contro la greca Maria Sakkari, numero 11 WTA e ottava testa di serie del seeding negli Emirati Arabi. Per la tennista della Media Valle del Serchio è davvero un anno d’oro.

Dopo il successo in tre set contro la Haddad Maia, in rimonta, ha confezionato altre due ulteriori imprese. Prima con la canadese, 21 anni, numero 33 del mondo, Leylah Fernandez; poi con la stessa ellenica. Partenza soft, sotto 1-3 nel primo set, l’azzurra ha recuperato il break al sesto gioco e, sul 5-4, ha strappato di nuovo la battuta all’avversaria, chiudendo 6-4. Ancora sotto 0-2 in avvio di seconda partita, ma anche qui rimonta e successo. Una piccola rivincita per l’azzurra che vendica, sportivamente parlando, la sconfitta con la Sakkari al Roland Garros, al secondo turno, nel 2021. Già nel turno precedente, contro la Fernandez, altra rivincita rispetto ai match persi a Siviglia nella "Billie Jean King Cup", la versione attuale dell’ex Federation.

Nei quarti l’avversaria di Paolini sarà la russa, naturalizzata kazaka, Elena Rybakina, una delle più forti in circolazione, vincitrice a Wimbledon nel 2022.

Massimo Stefanini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su