Un momento de La Vinaria
Un momento de La Vinaria

Lucca, 26 agosto 2019 - L'Eroica ha fatto scuola. Adesso sono tanti i raduni ciclistici d'epoca. E Lucca non è da meno, con un weekend che ha registrato il tutto esaurito. Record di partecipanti alla corsa ciclostorica “La Vinaria” che si è svolta domenica 25 agosto. La quarta edizione della manifestazione, promossa dal Gs Cicli Carube in collaborazione con i Comuni di Capannori, Porcari e Lucca e l’Opera delle Mura, ha toccato i 300 iscritti.

Si è trattato di un sostanziale incremento rispetto al 2018, quando gli iscritti erano stati 220. Gli appassionati delle bici eroiche – a “La Vinaria” si può partecipare solo con bici più vecchie del 1987 dotate di puntali, cinghietti, filo dei freni esterni al manubrio e leve del cambio sul tubo obliquo e abbigliamento vintage – si sono dati appuntamento nella Piana di Lucca non solo da tutta Italia ma anche dall’estero, dato che alcuni corridori provenivano dalla Germania, dal Belgio e dalla Svizzera, senza contare alcuni giapponesi provenienti da Firenze.

Erano presenti anche una trentina di donne, a testimonianza del crescente interesse femminile verso questo tipo di appuntamenti. Fra queste c’erano anche le “Ragazze della Vinaria”, un gruppo di fedelissime della manifestazione, che hanno contribuito a regolare l’andatura dei ciclisti in alcuni frangenti, come sulle Mura di Lucca, dove c’è il limite di 10 chilometri orari. Hanno corso, rigorosamente con abbigliamento d’epoca, anche alcuni amministratori: il vice sindaco di Capannori e Porcari, Matteo Francesconi e Franco Fanucchi, e il consigliere comunale con delega allo sport di Porcari, David Del Prete.

La corsa è partita dal mercato di Marlia, per poi toccare, attraverso due distinti percorsi, 48 e 79 chilometri, alcune delle principali bellezze paesaggistiche di Capannori, Porcari e Lucca, dal Quercione di Pinocchio alle Pizzorne, dalle Mura di Lucca ad alcune dimore storiche.

“La Vinaria” ha rappresentato quindi un’importante occasione di promozione territoriale, sia dal punto di vista paesaggistico sia da quello enogastronomico, visto che lungo il percorso sono state servite tipicità locali. A proposito di cibo, sabato 24 agosto in piazza del Mercato si è tenuta la cena inaugurale della Vinaria, cui hanno partecipato circa 300 persone, fra cui gli amministratori dei territori coivolti. Oltre a mangiare gustose portate, i presenti hanno potuto ridere con la comicità di Massimo Antichi.