Onorata la memoria di Palatucci

La Polizia di Stato onora la memoria di Giovanni Palatucci, questore di Fiume, dichiarato "Giusto tra le nazioni" per aver salvato migliaia di ebrei durante la guerra. Una cerimonia si è svolta a Lucca per ricordare il suo coraggio e sacrificio.

Onorata la memoria di Palatucci
Onorata la memoria di Palatucci

Importante iniziativa ieri mattina per la Polizia di Stato che ha onorato la memoria dell’ultimo questore di Fiume, Giovanni Palatucci, nato a Montella in provincia di Avellino nel maggio 1909, medaglia d’oro al valore civile e ucciso il 10 febbraio 1945 nel campo di concentramento di Dachau, è stato dichiarato “Giusto tra le nazioni” per aver salvato migliaia di ebrei.

Una storia umana e di un uomo e servitore dello Stato, che rappresenta una delle più belle pagine per l’intero nostro Paese. Il questore di Lucca Edgardo Giobbi, alla presenza delle autorità civili e militari, dell’Associazione nazionale della Polizia di Stato e degli alunni del Liceo “Ettore Majorana“ di Capannori, in una cerimonia che ha avuto luogo prima in piazzale Palatucci, e a seguire a Capannori, nei pressi dell’ulivo donato dal Comune, ha ricordato quanto compiuto da Giovanni Palatucci che da giovane funzionario di Polizia,

a causa delle vicende

della guerra, si è ritrovato

ad essere il più alto

in grado e quindi questore

di Fiume. Palatucci è stato proclamato “Giusto tra le Nazioni“ "per aver salvato migliaia di ebrei, costruendo attorno a loro una rete di aiuti e di rifugio, impedendo così

la deportazione di molti di essi". Venne però scoperto

dai nazisti che lo internarono nel campo di concentramento di Dachau, dove morì

nel febbraio 1945, due mesi prima della liberazione

del campo stesso.