Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
25 giu 2021

Lo spot del sindaco per Palazzo Mansi "Un luogo che racconta la nostra cultura"

Il primo cittadino invita i lucchesi: “Un viaggio nel fasto di una dimora barocca perfettamente conservata fra capolavori assoluti“

25 giu 2021
alessandro tambellini (*)
Cronaca

di Alessandro Tambellini (*) Tutti abbiamo desiderato o immaginato di viaggiare nel tempo, magari per ammirare uno spaccato storico della nostra città e vedere con i nostri occhi gli antenati muoversi fra le architetture e le strade, provare l’emozione di percepire tutta un’epoca, una cultura, un modo di vivere con l’intensità di un solo sguardo. C’è un luogo particolare dove tutto questo è possibile, togliendo alla nostra fretta quotidiana un’ora e mezza per ritrovare noi stessi, la nostra anima e per godersi uno squarcio di quella bellezza incredibile che l’uomo è stato in grado di realizzare nei secoli passati. Parlo del Museo Nazionale di Palazzo Mansi in via Galli Tassi. Si tratta di un edificio che potrebbe quasi passare inosservato dall’esterno, perché modesto nelle forme architettoniche che distinguano la facciata principale. Un palazzo non isolato, che non ha davanti nemmeno una piazza. Mai architettura potrebbe dissimulare meglio la ricchezza che vi è contenuta. Palazzo Mansi prima di essere un museo è una dimora gentilizia lucchese arrivata a noi praticamente intatta dal passato. Il miglior esempio di come le famiglie più ricche della città, nel reciproco controllo di una piccola repubblica aristocratica, preferivano non ostentare all’esterno la propria forza economica per non provocare gelosie ed evitare che i potenti d’Europa insidiassero la “Libertas” lucchese. Varcato l’ingresso troviamo un sontuoso edificio che mostra lo stile di vita di una delle più facoltose famiglie della Repubblica di Lucca. Il luminoso giardino interno caratterizzato dal grande loggiato del primo piano trasmette tutta la gioia di vivere e l’eleganza di un luogo che era profondamente e quotidianamente vissuto da una famiglia numerosa divisa fra appartamenti e dependance e seguita da una altrettanto numerosa servitù. Il piano terreno era occupato dall’appartamento estivo utilizzato nei mesi caldi per ripararsi dall’afa quando la famiglia non si era ancora trasferita in villa. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?