Lucca, 11 aprile 2018 - Lutto in Confindustria per la morte di Antonio Maria Orazi, funzionario dell’Associazione industriali della provincia di Lucca per quasi 40 anni. 

Particolarmente colpito tutto il settore delle imprese edili a cui Orazi aveva dedicato gran parte del suo percorso professionale. Gli ex colleghi di Ance Toscana Nord ne ricordano le doti professionali non comuni che ne avevano fatto un punto di riferimento per il settore non solo a Lucca ma anche a livello regionale e nazionale nel sistema Ance. Numerosi, infatti, i messaggi di cordoglio che gli uffici ricevono in queste ore da parte di chi lo ricorda con stima e affetto. Esperto in diritto del lavoro e relazioni industriali, è stato protagonista del sistema della bilateralità lucchese in edilizia, contribuendo alla nascita e alla successiva affermazione degli Enti paritetici di settore (Cassa edile, Scuola edile e CPT Lucca) da lui seguiti per oltre 30 anni, e che ancora oggi rappresentano un esempio virtuoso nel panorama nazionale.

“Sono profondamente addolorato – dice Stefano Varia, presidente di Ance Toscana Nord e della Cassa edile lucchese – la scomparsa del dottor Orazi è una grande perdita professionale per quello che lui ha rappresentato per il nostro settore. Da lui potevi solo imparare quando si parlava di edilizia. Anche a nome dei Presidenti della sezione edili e degli Enti paritetici lucchesi che mi hanno preceduto e che come me hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di collaborare con lui, esprimo il cordoglio di tutti gli imprenditori di Ance Lucca, oggi Ance Toscana Nord, che in lui per anni hanno trovato un solido punto di riferimento”.

“Questa notte ci ha lasciato un grande amico prima ancora che un professionista esemplare. Antonio M. Orazi è stato un uomo raro, di una gentilezza e una cultura enormi, sempre disponibile e dedito al lavoro in maniera instancabile”. Parole del presidente nazionale di Conflavoro Pmi, Roberto Capobianco, che ricorda Antonio Orazi a poche ore dalla sua scomparsa improvvisa. “Un sindacalista d’impresa con oltre 40 anni di esperienza nel campo associativo, un mestiere che svolgeva con passione vera, un mestiere che a lui deve molto. Un professionista di altri tempi che, senza alcuna superbia nonostante la lunga carriera alle spalle, decise di collaborare con Conflavoro PMI quando la nostra associazione datoriale era ancora molto giovane e alle prime armi. Ne​ è diventato immediatamente una colonna portante – sottolinea Roberto Capobianco – e i suoi insegnamenti non smetteranno di accompagnarci”.