Asfalto
Asfalto

Lucca, 5 settembre 2018 - Più di 400MILA euro di investimento, 3 mesi previsti per il completamento dell’opera, condizioni atmosferiche permettendo, 120 metri di sbalzo per il consolidamento e l’ampliamento della viabilità, altrettanti pali da 12 metri ognuno per sostenerlo. Questi i numeri che sintetizzano il capitolato d’appalto del secondo lotto di lavori in partenza nella notte di lunedì per la messa in sicurezza della SR445 della Garfagnana in località Acquabona, tra Castelnuovo di Garfagnana e Gallicano. A eseguirli sarà la ditta «Intersonda» di Castelnuovo, su incarico della Provincia, già all’opera per la predisposizione del cantiere e della segnaletica di sicurezza. Questo nuovo investimento, con fondi di provenienza regionale, va ad aggiungersi al milione e 400mila euro utilizzato per il primo lotto di lavori.
 
Si tratta, nello specifico, della seconda parte dell’intervento di ripristino e messa in sicurezza avviato dall’ente di Palazzo Ducale tra il 2015 e il 2016, a seguito della grossa frana che nel 2014 creò non pochi problemi alla circolazione sull’arteria regionale di competenza provinciale. Dopo la realizzazione del muro di cemento armato di 90 metri disposto a bordo carreggiata il sostegno del versante montuoso e di altre opere di messa in sicurezza, la larghezza della carreggiata si ridusse di circa 2 metri: i lavori serviranno a eliminare la strettoia e riportare la larghezza della strada a circa 8,5m. «Il restringimento della carreggiata – spiega il consigliere provinciale con delega alla viabilità della Garfagnana, Andrea Carrari – pur non creando grossi problemi alle auto in circolazione, comportava frequenti criticità ai mezzi pesanti che erano costretti a rallentare per incrociarsi. Eliminare la strettoia e ripristinare la carreggiata con l’adeguata ampiezza, oltre a fornire una protezione adeguata lato fiume, aggiunge un altro tassello ad un intervento di messa in sicurezza molto complesso».
 
Soddisfatto per l’intervento di ampliamento della carreggiata anche il sindaco di Castelnuovo, Andrea Tagliasacchi: «Sarà molto importante uno stretto coordinamento tra Provincia e Comune sull’avanzamento e le tempistiche dei lavori, come anche una informazione puntuale agli automobilisti e ai cittadini, per limitare al massimo i disagi». Con l’inizio dei lavori sarà installato un semaforo temporizzato, che consentirà di regolare i flussi di traffico a seconda delle fasce orarie, riducendo così i tempi di attesa nelle ore di maggior flusso, sia di mattina sia di pomeriggio