Federico Mirabelli
Federico Mirabelli

Livorno, 19 novembre 2015 - PRENDE DI MIRA l’articolo pubblicato su La Nazione dal titolo «Minimo storico di iscritit per il Pd di Bacci» Federico Mirabelli – che i «renziani» hanno ribattezzato il «professore» – responsabile dell’organizzazione della federazione Pd di Livorno. Mirabelli, che ricopre anche l’incarico di capogruppo in consiglio provinciale, snocciola i numeri esatti. E saranno in molti a ringraziarlo visto che, fino ad oggi, nessuno voleva dare in forma ufficiale le cifre esatte degli iscritti e comunque sempre arrotondate... «Nello specifico – continua il «professore» – si citano dati sul tesseramento non esatti. Ad esempio nella nostra Federazione il tesseramento 2014 si è chiuso con 2.928 iscritti e non con 2.200 iscritti come riportato nell’articolo». Dunque ben 700 iscritti in più secondo la fonte ufficiale della federazione del Pd per quanto riguarda il 2014. Ma la correzione non si ferma qui.

«Nello stesso articolo – continua Mirabelli – è stato scritto che gli iscritti al Partito Democratico in tutta la Federazione nel 2015 risultano essere 750. Anche questo dato è inesatto perché gli iscritti al 2015 sono ad oggi 960». Ecco allora che, facendo due conti – e non ci vuole certo una laurea in geofisica – Mirabelli ha certificato che in meno di un anno il Pd livornese ha perso qualcosa come 1968 tesserati! Un bel primato – nel precedente articolo ci eravamo limitatia un meno 1400 – per il rinnovato partito dei renziani. Finalmente, dunque, dati certi, e non approssimativi come eravamo costretti a riportare vista la chiusura ermetica dei vertici del partito a fornirecerti numeri «sensibili». Tra l’altro, sempre secondo Mirabelli, le previsioni sono rosee. «Il dato delle 960 tessere è suscettibile a variazioni positive poiché la campagna tesseramento 2015 è stata avviata solo a settembre e quindi molte tessere sono ancora in fase di consegna. Dobbiamo considerare inoltre le tessere già consegnate ma che non sono state ancora inserite nel sistema di gestione, le quali non risultano pertanto nei report mensili». 

E CHIUDE: «Su questo fronte la Federazione sta predisponendo un ufficio tesseramento che avrà la funzione di monitorare e supportare i Circoli in questa specifica attività ed è chiaro che le valutazioni politiche sull’andamento degli iscritti saranno fatte, come è giusto che sia, a conclusione della campagna tesseramento». Intanto però i numeri sono impietosi, e il ritardo nell’iniziao della campagna tesseramento suona