Un fatto increscioso è accaduto ieri mattina, ultimo giorno di lezioni, in una scuole media della provincia di Grosseto. Una ragazzina, in un momento in cui gli insegnanti non c’erano ha estratto dal proprio zaino, in cui porta abitualmente i libri e i quaderni, un coltello di non piccole dimensioni, e lo ha...

Un fatto increscioso è accaduto ieri mattina, ultimo giorno di lezioni, in una scuole media della provincia di Grosseto. Una ragazzina, in un momento in cui gli insegnanti non c’erano ha estratto dal proprio zaino, in cui porta abitualmente i libri e i quaderni, un coltello di non piccole dimensioni, e lo ha puntato contro un compagno di scuola. Il ragazzino, sorpreso e impaurito per il gesto inaspettato, si è allontanato e in un secondo tempo ha raccontato il fatto a una delle sue insegnanti, che si è rivolta immediatamente alla direzione. La docente e la dirigente scolastica hanno immediatamente chiesto spiegazioni del fatto alla ragazzina.

La diretta interessata ha mostrato a preside e insegnante il coltello, ha ammesso di aver compiuto il gesto nei confronti del compagno di scuola, dicendo però che si trattava soltanto di uno scherzo. Una volta sentita la ragazzina, la scuola ha segnalato l’accaduto alle famiglie dei due alunni e, al tempo stesso, ha avvisato le forze dell’ordine, che, dopo pochi minuti, sono arrivate all’interno dell’istituto scolastico.

Le forze dell’ordine, che sono intervenute, hanno effettuato le verifiche del caso, e stanno procedendo, insieme al personale scolastico, ai necessari accertamenti del caso.

Le insegnanti della scuola si sono attivate prontamente per chiarire quanto fosse accaduto e soprattutto per rassicurare tutti gli alunni, che erano venuti a conoscenza della vicenda, per evitare così che l’episodio si verificasse di nuovo e soprattutto soprattutto per fare in modo che non fossero generate ulteriori preoccupazioni e timori.