"Balestri non eletto in Provincia. Il territorio perde una voce"

Il Pci denuncia l'esclusione di Massa dal Consiglio Provinciale a causa dell'assenza di voti per il candidato locale. Critiche alla complessità del sistema e alla mancanza di democrazia.

"Balestri non eletto in Provincia. Il territorio perde una voce"

Luciano Fedeli, Marco Barzanti e Daniele Gasperi del Pci criticano la non elezione di Balestri alle ultime elezioni nel Consiglio provinciale

"Massa è fuori dal Consiglio Provinciale perché l’unico candidato presente per la città, Lorenzo Balestri, resta al palo perché non votato". Con questa dichiarazione Daniele Gasperi del Pci inizia il suo intervento sulle recenti elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale. "E’ un fatto che penalizza la città – aggiunge – che non potrà portare problemi e istanze del territorio comunale e dei territori limitrofi nell’assise provinciale". Gasperi ricorda che come l’ammodernamento e la conclusione dei lavori sull’allora Strada Regionale 439, sui quali la provincia a suo tempo aveva competenze dirette poi passate nuovamente allo Stato, siano rimasti opera incompiuta. Questa è anche la posizione della segreteria provinciale che punta il dito anche su "un sistema farraginoso come quello delle elezioni del presidente e del consiglio provinciale che avvengono in momenti distinti e portano a risultati come quello attuale dove il presidente è espressione del centrosinistra e il consiglio invece ha la maggioranza di centrodestra – aggiunge il Pci – Una logica diabolica che complica le cose e l’unico effetto prodotto è quello di espropriare i cittadini del diritto a scegliere i propri rappresentanti in un ente che è previsto dalla Costituzione. Fa male Termine a prendersela con Gori e Bernardini perché la responsabilità di tutto questo fa capo al Pd che con la Legge Del Rio voleva eliminare le province e la bocciatura del referendum costituzionale del 2016, sostenuta fortemente dallo stesso Termine, che ne doveva sancire la fine, ha portato ad una situazione dove ci sono evidenti contraddizioni. L’unica cosa è che si è mortificata è la democrazia perché si è sottratto dalle mani dei cittadini il potere di decisione".