Si è chiusa la Bto alla Fortezza da Basso
Si è chiusa la Bto alla Fortezza da Basso

Firenze, 1 dicembre 2016 - Località inaspettate, proposte insolite, portali alternativi e nuove idee. La Toscana si presenta in Bto (Buy Tourism on Line), la grande fiera del turismo sul web, che si è svolta alla Fortezza da Basso di Firenze, con 148 eventi, dibattiti e tanti stand dedicati ai piccoli e grandi operatori del settore. Fra le grandi anteprime, una novità molto attesa dagli operatori turistici fiorentini. Si tratta della piattaforma DestinationFlorence.com che verrà presentata a gennaio dal Florence Convention Bureau, in partnership con il Comune di Firenze, per poi essere lanciata sul web nei mesi successivi. Sarà una sorta di «aggregatore» di tutte le proposte cittadine, dai ristoranti agli hotel, passando per musei e tour.

Un progetto ispirato ai portali delle grandi capitali mondiali, a partire da VisitLondon.com, da tempo punto di riferimento per chi vuole visitare la capitale inglese. «Si tratta di un’iniziativa finanziata dai nostri soci, oltre 200 – spiega Giacomo Billi, presidente del Florence Convention Bureau – e aperta a chiunque sia interessato ad aderire, attraverso il pagamento di una quota e una piccola percentuale sulle prenotazioni. Questa novità è anche un ulteriore passo avanti nell’affermazione del Florence Convention Bureau nel settore del turismo non congressuale». Restando fra le proposte innovative, ecco Flee.tours, portale che verrà lanciato a marzo dalla Merci Travel di Simona Conte, con sede a Massa e Cozzile (Pistoia).

«Il nostro obbiettivo – spiega Gabriele Cesarini, cofondatore della società – è proporre pacchetti emozionali, alla scoperta egli angoli meno conosciuti della Toscana e di tutta Italia. Oggi proporre un hotel non basta più: i viaggiatori cercano esperienze che li facciano immergere nelle località visitate». Fra le proposte di Flee.tours nella regione, ecco allora un hotel a Viareggio abbinato a un’escursione in jeep alle cave di marmo di Carrara, il pernottamento a Montecatini con gita in mountain bike nel Padule di Fucecchio, o albergo a Lucca con tappa al Borgo delle Fate, paesino della Garfagnana a lungo disabitato e restaurato nel 2000 sulle rive di un piccolo lago. Il progetto nascerà ottimizzando l’esperienza di Visit-Toscane.com, portale lanciato lo scorso anno dalla stessa società per promuovere le strutture ricettive regionali. Già consolidata invece l’esperienza della Fondazione Romualdo Del Bianco – Life Beyond Tourism che in Bto ha presentato il risultato di una ricerca sull’applicazione pratica del proprio modello sui territori, per esaltare il viaggio come strumento per uno sviluppo sostenibile e per il dialogo fra le culture.

 È stato fatto anche il punto sul portale di prenotazioni alberghiere nato proprio sulla base di questa filosofia, vivafirenze.it, startup non-profit che reinveste i proventi delle prenotazioni alberghiere sul territorio, in particolare nella conservazione del patrimonio culturale. Nata e lanciata in Bto una proposta dedicata agli amanti del vino e dell’architettura. Si tratta di Toscana Wine Architecture, un circuito di 14 cantine di design, contemporanee per le loro strutture e firmate da grandi maestri dell’architettura del XX secolo. Alcune vantano scelte nel segno della bioarchitettura, delle nuove tecnologie o delle energie rinnovabili. Il progetto, realizzato dalla Regione insieme a Vetrina Toscana e Federazione strade del vino, dell’olio e dei sapori della Toscana in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana, viene proposto sul portale www.winearchitecture.it. E per chi preferisce la letteratura, Toscana ed Emilia Romagna hanno illustrato l’itinerario interregionale dantesco che coinvolge Firenze e Ravenna, le città dove rispettivamente il Sommo Poeta è nato ed è sepolto. Le due Regioni e le varie Apt lavoreranno congiuntamente per promuovere un percorso alla scoperta di Dante Alighieri.