Ribery (Ansa)
Ribery (Ansa)

Firenze, 25 maggio 2020 - «Ribéry è in una condizione fisica e psicologica di altissimo livello, ha voglia di ripartire più degli altri». Così il direttore sportivo della Fiorentina Daniele Pradè parlando dell'attaccante francese che a dicembre ha dovuto operarsi alla caviglia destra dopo un infortunio subito in partita. Dopo il periodo di quarantena Ribéry è tornato da qualche giorno al Centro sportivo dove insieme ai compagni ha iniziato a svolgere allenamenti in gruppo in attesa di sapere se riprenderà il campionato.

«I giocatori che sono risultati positivi al virus devono seguire un protocollo particolare e svolgere per sette giorni un lavoro differenziato - ha spiegato ancora Pradè alla Rai Toscana - Abbiamo cominciato con Venuti e Agudelo che dalla prossima settimana si aggregheranno. Ho trovato un gruppo molto responsabile, che si è fatto trovare alla ripartenza in modo professionale. Ricominciano con le partitelle, tutti hanno voglia di fare il loro lavoro e ricominciare».

Nel frattempo continua a tenere banco a Firenze la questione stadio: «Sono ormai 15 anni che le istituzioni discutono senza giungere a nulla - ha ribadito a Radio Bruno il presidente del Centro coordinamento viola club Filippo Pucci - Ma non possiamo permetterci di perdere l'occasione di un investimento da 300 milioni di euro per la città oltre che per la Fiorentina in un momento peraltro come quello attuale. Se poi il presidente viola Commisso dovesse stancarsi e andarsene, qualcuno dovrebbe assumersi le sue responsabilità».