Ubriaco e senza patente, camionista fermato in autostrada a Firenze

Per sfuggire ai controlli ha tentato di scambiarsi con il passeggero, ma la manovra è stata notata dai poliziotti

La polizia stradale ha fermato il camionista in stato di ebbrezza

La polizia stradale ha fermato il camionista in stato di ebbrezza

Firenze, 16 settembre 2023 – Procedeva in maniera incerta, sbandando tra le corsie e creando un pericolo per gli altri automobilisti. Ma quel che è peggio è che una volta ricevuto il segnale di ‘alt’ dai poliziotti ha cercato di sfuggire al controllo scambiandosi di posto con il passeggero. Il colpevole è un 42enne, fermato a bordo di un camion sull’Autostrada del sole per guida in stato di ebbrezza.

Lungo la strada, infatti, l’attenzione degli agenti della polstrada di Firenze Nord è stata attirata dall’autocarro, che procedeva in modo scomposto e incerto tra la corsia di marcia e quella di sorpasso, creando pericolo alla circolazione. Il conducente, ricevuto “l’alt”, ha cercato di sottrarsi al controllo, accostando velocemente in mezzo nel vano tentativo di scambiarsi di posto con il passeggero, ma la manovra, per quanto repentina, non è sfuggita ai poliziotti.

Effettuati i controlli del caso, gli agenti hanno accertato che l’uomo era alla guida in stato di ebbrezza ed anche sprovvisto della patente di guida, perché già revocata in precedenza dalla prefettura di Arezzo. Anche il veicolo, al momento, è finito sotto sequestro.

Nella provincia fiorentina, dall’inizio del mese, la polizia stradale ha accertato 485 infrazioni, tra cui 41 per il mancato uso delle cinture di sicurezza, 25 per uso di telefono cellulare alla guida e 10 per la mancata copertura assicurativa obbligatoria. E dal prossimo 16 settembre prende il via la campagna congiunta di sicurezza stradale “Safety Days”, promossa a livello europeo e realizzata con il supporto della Direzione Generale Trasporti della Commissione Europea, che va a inserirsi nel quadro della cosiddetta “settimana europea della mobilità”, con lo scopo di ottenere, appunto a livello europeo, una giornata con zero vittime sulle strade.

Accanto al quotidiano pattugliamento delle strade, al via servizi specifici per ridurre quelle che sono considerate le principali cause di incidentalità, quali l’elevata velocità, il mancato utilizzo dei dispositivi di sicurezza, dei sistemi di ritenuta per bambini e del casco protettivo e, non certo per ultimo, l’uso del telefono cellulari alla guida.