"Fiesole in bianco & nero" nella mostra di Pellucci

La mostra "Fiesole in bianco & nero" di Emanuele Pellucci rivela la storia della città negli anni '60-'70, con scatti e articoli che raccontano eventi, personaggi e tradizioni. Un viaggio nel passato culturale di Fiesole da non perdere.

"Fiesole in bianco & nero" nella mostra di Pellucci

La mostra «Fiesole in bianco & nero» di Emanuele Pellucci aperta fino al 14 aprile

Dallo scoop delle nozze di Enzo Tortora in forma privata in Municipio all’incontro con Sir Alec Guinness o l’intervista in esclusiva con il pittore Baccio Maria Bacci; i problemi di attualità come la carenza d’acqua nel periodo estivo o il traffico ma anche gli eventi sportivi, le attività artigianali della tradizione (l’intreccio della paglia, lavorazione del rame) e poi tante curiosità e le molte immagini del centro storico riprese dall’alto del campanile della Cattedrale.

E’ quanto racconta la mostra "Fiesole in bianco & nero. Fotocronaca anni ‘60 -’70" di Emanuele Pellucci, aperta fino al 14 aprile nella Sala del Basolato. Cronista fino dagli anni ‘60, corrispondente da Fiesole del Giornale del Mattino (1963-66), La Nazione e Nazione Sera (1967-82) e collaboratore di testate dedicate all’enogastronomia, Pellucci ha raccolto in questa mostra una serie di scatti e di articoli che ripercorrono la storia di Fiesole, nel decennio che ha visto la città protagonista della vita culturale a livello nazionale, meta famosa per l’arte e la cultura. Una sessantina di pannelli, quelli esposti nella Sala del Basolato, che riproducono articoli e foto del periodo che va dal 1963 al 1981, riguardanti eventi e personaggi fiesolani. Inaugurazione giovedì 4 aprile alle ore 17.

Daniela Giovannetti

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro