Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
14 giu 2022

Bonus 200 euro, per averlo il dipendente deve presentare un'autocertificazione

Pubblicata la circolare Inps che fornisce le istruzioni alle aziende. Ne è attesa un'altra che chiarirà quale modulo presentare e come

14 giu 2022
Inps
Inps
Inps
Inps

Firenze, 14 giugno 2022 – Il bonus da 200 euro che arriverà ai lavoratori nella busta paga di luglio (di solito il 27 o inizio agosto) non è esattamente automatico. Il lavoratore dovrà infatti presentare un'autocertificazione nella quale si spiega che non sta percependo né il reddito di cittadinanza né la pensione. In questi casi, infatti, è l'Inps direttamente che eroga il bonus nell'assegno pensionistico o con la mensilità del reddito di cittadinanza.

I consulenti del lavoro hanno predisposto sul loro sito un fac-simile di autocertificazione, ma sarà l'Inps che probabilmente specificherà quale modulo presentare e con quali modalità. Nel messaggio 2397 del 13 giugno 2022, l'istituto di previdenza specifica che l'indennità di 200 euro è riconosciuta al lavoratore “in via automatica, previa dichiarazione del lavoratore di non essere titolare delle prestazioni di cui all'articolo 32, commi 1 e 18”. “Tale indennità una tantum di 200 euro - si legge ancora - è riconosciuta in automatico, in misura fissa, una sola volta, previa acquisizione da parte del datore di lavoro - di una dichiarazione del lavoratore con la quale lo stesso dichiari, ricorrendone le circostanze, “di non essere titolare delle prestazioni di cui all'articolo 32, commi 1 e 18”.

Se dunque il lavoratore ha più datori di lavoro, il bonus da 200 euro deve essere richiesto solo presso un datore di lavoro. I 200 euro erogati dall'azienda al dipendente saranno poi recuperati dalla stessa attraverso Uniemens,  lo strumento con il quale il datore di lavoro comunica all'Inps i redditi percepiti dai propri dipendenti nel periodo di paga di riferimento e sul quale devono essere calcolati i contributi previdenziali dovuti all'Istituto nazionale della previdenza.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?