Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
26 mar 2022

William De Rose, l'incidente a Livorno. Morto durante consegna a domicilio

Il rider di Deliveroo era in motorino e si è scontrato con un'auto. Torna il tema della sicurezza degli addetti alle consegne

26 mar 2022

Livorno, 26 marzo 2022 - Una giornata come tante di consegne. L'ora di cena che si avvicina e il turno di lavoro che si fa intenso, pieno di cose da fare. E' stato in quel momento che William De Rose, 30 anni, si è scontrato con il suo motorino con un'auto a un incrocio. Ed è morto nonostante ogni tentativo di rianimazione, dopo il disperato trasporto in ospedale, che si trova a poche centinaia di metri da dove è avvenuto l'incidente.

Il sindaco Salvetti: "Le aziende del delivery si fermino a riflettere"

E' lutto a Livorno per la morte, mentre stava lavorando, di questo trentenne appassionato di sport, con tanti amici, che da tempo lavorava per l'azienda Deliveroo. L'incidente è avvenuto sul viale Marconi, arteria stradale nelle immediate vicinanze del centro, nel punto in cui la strada si incrocia con via del Fagiano. Saranno le forze dell'ordine adesso a stabilire cosa è accaduto.

Il ragazzo stava procedendo lungo il viale quando c'è stato lo scontro con una Maserati. Un impatto molto violento. Il ragazzo è caduto a terra insieme al suo motorino. Sulla strada, dalla carreggiata piuttosto stretta, subito l'automobilista coinvolto nell'incidente e i passanti hanno chiamato il 118. Immediato l'arrivo dell'ambulanza, con l'inizio delle manovre rianimatorie.

Il giovane era in condizioni disperate. E' stato portato in ospedale. Nella shock room del pronto soccorso i medici hanno tentato, senza successo, di salvargli la vita. Troppo grave la situazione generale di William De Rose, spirato nella struttura ospedaliera livornese.

 La notizia si è sparsa in pochi minuti in città. A Livorno i rider si conoscono tutti e sono conosciuti dalla gente. William De Rose, nel periodo della pandemia, aveva consegnato cibo a domicilio a diverse persone positive al coronavirus e in molti apprezzavano le sue doti umane anche sul lavoro. Dolore tra i familiari e gli amici del giovane.

Sulla scena dell'incidente restano i segni della tragedia: lo zaino da rider di William, i rottami del motorino e dell'auto, una Maserati, finiti sull'asfalto. Sotto choc il guidatore, un cinquantenne. 

"Un nuovo morto sul lavoro - dice la Cgil di Livorno in un comunicato - una nuova tragica ferita per l'intera città. L'auspicio è che le autorità preposte facciano al più presto chiarezza sulla dinamica dei fatti. Al Comune di Livorno chiediamo l'apertura di un tavolo per confrontarci sulle misure eventualmente applicabili al fine di migliorare la sicurezza dei rider all'interno del traffico cittadino. Da tempo a livello nazionale ci stiamo battendo in prima fila per garantire a questi lavoratori maggiori tutele e maggiore sicurezza ma si può e si deve fare di più".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?