Radiocronaca nella bufera: “Meraviglioso gol di Portanova che mette a tacere le polemiche”. Poi il cronista si scusa

Il giocatore della Reggiana è stato condannato in primo grado a 6 anni di reclusione per stupro di gruppo a Siena, e il suo arrivo in granata ha suscitato discussioni e proteste

Manolo Portanova
Manolo Portanova

Siena, 16 settembre – "... Un gol davvero meraviglioso da parte di Manolo Portanova, che mette a tacere le polemiche..." è il commento del radiocronista Rai che racconta Reggiana-Cremomese, destinato a scatenare polemiche. Portanova, infatti, è stato condannato in primo grado (ha fatto appello contro la sentenza) a 6 anni di carcere per stupro di gruppo per un episodio avvenuto a Siena.

Il suo arrivo in granata aveva suscitato molte polemiche. A mettere in risalto il commento del radiocronista (stigmatizzandolo) è il senatore del Pd Filippo Sensi che riporta nel suo post su X un passaggio della radiocronaca di Reggiana-Cremonese di oggi, 16 settembre 2023. "Condannato in primo grado con sei anni di reclusione per stupro di gruppo, la giustizia farà il suo corso. Se questa è, può essere una telecronaca del servizio pubblico. Ascoltate", spiega il senatore Pd, riportando l'audio dell'intero estratto.

Il cronista che pronuncia il commento nella bufera, mettendo in risalto il “gol davvero meraviglioso che mette a tacere le polemiche anche se poi ricordiamo che tra qualche mese ci sarà l’appello del processo a Firenze per stupro di gruppo” è Nicola Zanarini che si è scusato: “Ho fatto un commento sicuramente fuori luogo e ho commesso una grave leggerezza raccontando il gol di Manolo Portanova. Non intendevo certo dire che il caso sia chiuso da una rete - ha detto Zanarini - o le polemiche spazzate via da un gesto sportivo, tanto che subito dopo ho ricordato che l'appello dopo la condanna in primo grado a 6 anni per la pesante accusa di stupro di gruppo si terrà nei prossimi mesi a Firenze. Ho seguito la questione negli ultimi tempi dando voce alle associazioni di donne di Reggio Emilia che hanno contestato la scelta di ingaggiare il giocatore e ho anche criticato la società granata per il suo lungo silenzio in merito - ha ricordato ancora Zanarini - e sottolineato anche la grande prudenza del Comune nel prendere una posizione. Lungi da me il voler assolvere un imputato per un gol, nell'enfasi della radiocronaca mi è scappata una grossa stupidaggine, di cui mi scuso sinceramente e profondamente con tutti coloro che si sono sentiti offesi. Avendo subito capito il mio errore, nel seguito della radiocronaca ho precisato che il gol di oggi non mette certo fine al caso Portanova e alle polemiche che sono seguite all'ingaggio del giocatore”.