ROSSELLA CONTE
Cronaca

Raccolta differenziata: Capraia e Limite e Certaldo i comuni più ricicloni della Toscana

Le due realtà servite da Alia Multiutility di nuovo premiate da Legambiente. Ecco la classifica

Un operatore al lavoro

Un operatore al lavoro

Firenze, 5 luglio 2024 – Capraia e Limite e Certaldo ancora al top: entrambi si confermano ancora una volta come Comuni in cui la raccolta differenziata raggiunge livelli record. Lo testimonia la classifica finale della trentunesima edizione dei Comuni Ricicloni, storico dossier di Legambiente, che ogni anno fa il punto sull’impegno delle singole comunità nella raccolta differenziata e per una efficace valorizzazione dei rifiuti. In particolare, Capraia e Limite con l’86,2% di raccolta differenziata si è aggiudicata il primo posto, a livello regionale, nella categoria dei Comuni fra i 5.000 e i 15.000 abitanti, mentre Certaldo, con l’84,1% di raccolta differenziata, ottiene il medesimo primato nella categoria dei Comuni con oltre 15.000 abitanti. Per entrambe le realtà si tratta di una eccezionale conferma ai vertici, visto che avevano già colto lo stesso risultato nelle ultime due edizioni dei Comuni Ricicloni. Secondo la nuova edizione del report 2024 (su dati del 2023), a livello nazionale sono 698 (+69 rispetto alla scorsa edizione) i Comuni Rifiuti Free, cioè quelli in cui la produzione annuale pro-capite di rifiuti avviati a smaltimento è stata inferiore ai 75 chilogrammi. Di questi, 18 si trovano in Toscana e 15 sono serviti da Alia Multiutility. Complessivamente, nella nostra regione sono 297.064 i cittadini che risiedono nei Comuni Rifiuti Free, cifra che rappresenta l’8,1% del totale dei cittadini toscani e che a livello nazionale pone la Toscana al quarto posto posto di questa speciale classifica preceduta solo da Veneto, Trentino Aldo Adige e Friuli-Venezia Giulia. Da sottolineare che la Toscana è l’unica regione a vantare nelle graduatorie dei migliori solo Comuni oltre i 5.000 e i 15.000 abitanti, visto che è invece uscito dalle graduatorie dei Comuni sotto i 5.000 abitanti Gambassi Terme, che nel 2023 ha raggiunto i 5.573 abitanti grazie al correttore che calcola il numero di abitanti equivalenti sulla base del numero di mesi turistici dichiarati in fase di iscrizione al concorso. "Questi risultati testimoniano l’impegno costante e la dedizione delle nostre comunità verso una gestione sostenibile dei rifiuti. Tutto questo dimostra che l'eccellenza nella raccolta differenziata è raggiungibile grazie alla collaborazione tra cittadini, amministrazioni locali e Alia. Siamo orgogliosi di vedere come il nostro lavoro contribuisca a posizionare la Toscana tra le regioni leader in Italia per la sostenibilità ambientale", commenta Lorenzo Perra, presidente di Alia.  "Siamo molto orgogliosi di questo risultato, che riusciamo a raggiungere ormai da diversi anni’, dice il sindaco di Capraia e Limite, Alessandro Giunti. "Un circuito virtuoso di cui i nostri cittadini sono i principali artefici e protagonisti e che quindi desidero ringraziare. L’obiettivo della raccolta differenziata è quello di facilitare il riciclo e praticare i principi dell’economia circolare". "Essere al vertice della classifica per i Comuni con oltre 15.000 abitanti è un traguardo che ci riempie di soddisfazione e ci stimola a fare sempre di più e meglio. È una conferma che le politiche adottate negli ultimi anni stanno portando i frutti sperati e che la strada intrapresa è quella giusta", commenta Giovanni Campatelli, sindaco di Certaldo.  Fra i Comuni che contano fra 5.000 e 15.000 abitanti, Capraia e Limite ha preceduto Gambassi Terme (85,7% di raccolta differenziata), Lamporecchio (84,7%), Santa Maria a Monte (82,2%), Cerreto Guidi (84,2%), Serravalle Pistoiese (81,9%), Montespertoli (81,9%), Larciano (82,8%), Calcinaia (83,3%). Nell’ambito dei Comuni sopra i 15.000 abitanti, Certaldo ha fatto meglio di Monsummano Terme (84,6%), Montelupo Fiorentino (85,8%), Fucecchio (84,3%), Vinci (84,2%), Fiesole (74%), Castelfiorentino (83,2%), Lastra a Signa (80,7%) e Capannori (82,7%).