Tutto pronto per la terza edizione di Orgoglio Amaranto in festa

Da venerdì 5 a domenica 7 luglio torna l’evento del comitato dei tifosi dell’Arezzo

stadio

stadio

Arezzo, 4 luglio 2024 – Da venerdì 5 luglio a domenica 7 torna, al parco della Proloco del Bagnoro, Orgoglio Amaranto in festa. Il comitato dei tifosi dell’Arezzo è pronto per la terza edizione che si basa su numerose conferme e qualche novità.

L’evento, che ha il patrocinio del Comune di Arezzo ed è organizzato con la preziosa collaborazione della Proloco del Bagnoro, è caratterizzato dalla grande partecipazione dei volontari del comitato, tifosi amaranto, che hanno sposato anche la causa della festa e che si ritrovano negli ideali della partecipazione popolare di cui questa tre giorni vuole essere l’apice.

Cucina tipica e musica dal vivo accompagnano importanti momenti culturali e di dibattito sul mondo del tifo alla scoperta di realtà interessanti, di battaglie vinte e di punti di riferimento delle tifoserie. Questo con l’obiettivo di portare ad Arezzo una crescita culturale e un confronto costruttivo.

Tutte le sere stand aperti dalle 19,30 con la novità del kindergarten con animatrici, giochi e gonfiabile. Ogni sera alle 20,00 spettacolo per bambini.

Il programma di venerdì 5 luglio

Apertura della festa alle 19 e spazio a un aperitivo con il dibattito Cultural… mente Ultras. Le riviste dedicate al mondo delle curve si raccontano con la presenza di Giuseppe Nasti e Andrea Fruttieri di Fan’s Magazine e Gabriele Viganò e Valerio Poli di Sportpeople. Modera l’incontro Luca Amorosi, giornalista e mebro del direttivo di Orgoglio Amaranto.

Alle 21,30 musica dal vivo con la rock band Wiskypedia che torna alla festa dopo il successo dello scorso anno. Alle 23,30 partirà invece il dj set con Capo Dj.

Il programma di sabato 6 luglio

Il dibattito delle 19 ha come protagonisti i dirigenti di Ideale Bari che arrivano ad Arezzo per raccontare questo particolare caso di partecipazione popolare alla squadra di calcio. Con loro il giornalista sportivo Pippo Russo ed Enrica Cherici, giornalista e vice presidente di Orgoglio Amaranto.

Alle 21 è previsto l’incontro con mister Troise in quella che è la sua prima uscita pubblica a contatto con i tifosi amaranto. Intervista condotta da Luca Caneschi.

Alle 22 torna la musica dal vivo con Band 23 e a seguire il dj set con Capo Dj.

Il programma di domenica 7 luglio

La domenica di festa inizia presto con il ritrovo al parco del Bagnoro alle 8,30 e la partenza della camminata non competitiva nel suggestivo percorso di 10 chilometri lungo le storiche gallerie del Bagnoro. Per i partecipanti prevista la colazione a metà percorso. Alle 13 pranzo alla festa solo su prenotazione.

Alle 18,30 si apre il momento del dibattito “Il modello tedesco: associazioni popolari e lotta al calcio moderno” con Kai Tippmann e Martin Muhlenfels di Borussia Dortmund. Moderano Simone Meloni di Sport People e Duccio Borselli, consigliere del direttivo di Orgoglio Amaranto e di Sinc, l’associazione Supporters in Campo.

Dalle 21,30 musica dal vivo anni ’80 e ’90 con i Master Channel.

Le dichiarazioni

“Questa è la festa dei tifosi dell’Arezzo ma non solo, vuole essere una festa di tutti gli aretini ai quali offriamo cucina tipica, musica dal vivo e alcuni dibattiti interessanti sul mondo del calcio” ha detto Daniele Farsetti, presidente di Orgoglio Amaranto nel corso della conferenza stampa di presentazione avvenuta proprio al parco del Bagnoro dove da pochi giorni è terminata la Festa della Ciliegia.

“Per il terzo anno consecutivo mettiamo a disposizione le nostre strutture per il comitato - ha confermato Giovanni Donati in rappresentanza della Proloco del Bagnoro che collabora all’iniziativa - siamo anche noi tifosi dell’Arezzo e dopo la Festa della Ciliegia proseguiamo al fianco del comitato per questa tre giorni.”

“Orgoglio Amaranto merita l’attenzione del Comune di Arezzo - ha dichiarato Federico Scapecchi, assessore allo sport - abbiamo concesso convintamente il patrocinio proprio per il valore che ha il comitato, che ha già superato i 10 anni di vita, lo ha dimostrato nei momenti difficili ed è giusto che continui a farlo in quelli più tranquilli.”