Alice simbolo di speranza. Neonata di un mese cullata dai vigili del fuoco

Una famiglia di Quarrata, colpita dall'alluvione, è stata salvata dai vigili del fuoco: la piccola Alice, appena un mese, è stata presa in braccio e portata in salvo, in un'emozionante notte che non dimenticheranno.

PISTOIA

Quando l’acqua ha invaso il giardino e ha iniziato a filtrare dalla porta d’ingresso, hanno capito che non c’era tempo da perdere, soprattutto per la loro Alice, appena un mese di vita. Hanno chiesto aiuto e sono stati ospitati dai vicini, al piano superiore della loro casa. Erano le 4 di notte di giovedì, e babbo Tommaso Menniti e mamma Maria Elena Mauro della frazione di Catena di Quarrata, comune della piana pistoiese, tra i più flagellati dall’alluvione, hanno atteso l’alba per chiedere aiuto ai vigili del fuoco. Nel frattempo, nella loro casa era calato il buio, perché era andata via anche la corrente elettrica. Un salvataggio che ha emozionato tutti, quando la mattina di venerdì, la piccola Alice, avvolta in una coperta, è stata presa dalle braccia di uno dei vigili del fuoco della squadra dei soccorritori acquatici di Pistoia.

"Ho temuto per la mia bambina, al buio e con l’acqua che entrava in casa – racconta la mamma – quando finalmente l’ho affidata nelle braccia dei vigili del fuoco, ho capito che l’incubo era passato. Ma avevo ancora paura, per tutto il breve tragitto sul gommone: abbiamo attraversato la strada come fosse un fiume". "Abbiamo preso in braccio la piccola avvolta ad una coperta – racconta il caporeparto della squadra dei vigili del fuoco di Pistoia – è stata calma per tutto il viaggio, non ha mai pianto, si sentiva al sicuro. Per noi è stata una grande emozione, vedere la serenità ritrovata di una famiglia, al termine di una notte che non dimenticheremo".