Il colombiano Gomez primo a Cesa
Il colombiano Gomez primo a Cesa

Arezzo 27 agosto 2019 -  L COLOMBIANO Nicolas Gomez domina lo sprint di Cesa in una delle corse più antiche d’Italia per Elite e Under 23, giunta alla 97esima edizione e ben organizzata dal Gs Cesa che ha festeggiato i 40 anni con Costantino Malentacchi appassionato presidente, con Marco Barbagli in prima fila e il comitato Festieri di Santa Lucia.
Secondo successo stagionale per Gomez, che gareggia con la bergamasca Colpack, con una delle squadre più forti d’Italia in categoria.
In una bella giornata di sole, davanti a tanti appassionati, la classica della Valdichiana (prima edizione nel 1922 vinta dall’aretino Burroni) è filata via a ritmi velocissimi su un doppio circuito, uno di circa nove chilometri da ripetere sei volte, l’altro di una ventina da percorrere tre volte.
Alla fine uno sprint molto folto con Gomez che è partito lungo nel rettilineo finale e ha vinto nettamente, precedendo il toscano Sali che corre con una squadra lombarda, la Gallina Colosio, terzo il figlio d’arte Milan del Team Friuli.
Grandi formazioni del Nord scese in Toscana con propositi ambiziosi e i risultati sono stati chiari. Ancora con i migliori il castiglionese Pesci, recente vincitore del Giro del Casentino e sesto a Rovescala. Stavolta il ragazzo della Malmantile si è classificato settimo. Una continuità notevole quella di Pesci in questa stagione.
Alla fine la media ha superato i 43 chilometri orari.
Ordine d’arrivo
1) Nicolas Gomez (Team Colpack) Km 130 in 3h01’ media 43,094.
2) Edoardo Sali (Gallina Colosio) - 3) Jonathan Milan (Team Friuli) - 4) Davide Colnaghi (Named) - %) Francesco Giordano (Bevilacqua) 6) Manuel Allori (Franco Ballerini) - 7) Manuel Pesci (Malmantile) - 8) Mattia Bevilacqua (Franco Ballerini) - 9) Luca Colnaghi (Colpack) - 10) Andrea Previtera (Regolo Erluison).
Partenti 140, arrivati 63.

Fausto Sarrini

IL VENTITRENNE dilettante brasiliano, primo anno Elite, Attilio Fetter Pinno, in un finale da cardiopalma, ha vinto a Castelfranco di Sopra la 43esima Coppa Comune e 14° Giro delle Balze. E’ arrivato solitario al traguardo, precedendo Diego Frignani della Gragnano, che aveva inscenato una bella fuga solitaria di 113 chilometri e poi giunto secondo a 44“. Lo sfortunato Frignani ha ceduto nell’ultimo giro corto da Piandiscò dopo aver avuto un vantaggio sui suoi più immediati inseguitori Francesco Parravano e Gabriele Ninci di 2’40“, poi risucchiati dal gruppo, e di oltre 6’ sulla comitiva con Gabriele Benedetti, dopo appena 50 chilometri di fuga. Il valdarnese Benedetti campione toscano, ha commentato: «La fuga di Frignani non l’abbiamo presa sul serio, perciò, nessuno si è preoccupato, e siamo rimasti staccati di 6’. Solo allora abbiamo iniziato la corsa vera e nel finale a 4 km dall’arrivo, in compagnia di Frangioni, ho lasciato il gruppo, ma era tardi. E’ fuggito Pinno che ha ripreso Frignani e vinto. Se partivamo prima, la corsa probabilmente sarebbe cambiata». Poi campione toscano ci dà la notizia: «Nel prossimo anno correrò con la squadra Continental Team Monti Deceuninck Quick Step». In pratica è il vivaio della grande squadra professionistica. Nei due chilometri finali, il gruppo si è sgretolato, sotto l’azione dei primi quattro. Bene l’organizzazione della Futura Team, la giuria con Tani-Guarducci-Esposito e Giulianini, direttore di corsa Ercole Mealli, speaker Elena Forzoni. Ordine d’arrivo: 1° Attilio Fetter Pinno (BNike Team Norest Aso) km 131 in 3h 17’ 55“, media km 39,714, 2° Diego Frignani (Gragnano) a 44“, 3° Gabriele Benedetti (Mastromarco) a 48“, 4°Alessandro Frangioni (Porto Sant’Elpidio).s.t. ,5° Filippo Fiorelli (Gragnano) a 55“, 6° Raffaele Radice, 7° Matteo De Bonis, 8° Nicolò Caribbo, 9° Leonardo Tortomasi, 10° Giovanni Loiscio. Partiti 66, arrivati 25.
Giorgio Grassi