Quotidiano Nazionale logo
10 mag 2022

Fani: "Castiglionese nella storia" Una città in festa per l’Eccellenza

Il tecnico dei viola ha messo in bacheca il quarto campionato vinto "Ragazzi straordinari"

Michele Jaupaj in azione
Michele Jaupaj in azione
Michele Jaupaj in azione

CASTIGLION FIORENTINO

Una giornata perfetta, a sancire una stagione altrettanto perfetta. La Castiglionese e i suoi tifosi ricorderanno a lungo una stagione come questa, quella che ha segnato a distanza di tre anni il ritorno dei viola in Eccellenza. Merito di un campionato che ha visto la truppa di Roberto Fani sempre nella colonna di sinistra della classifica ma soprattutto nei piani alti. Tra novembre e dicembre le vittorie contro Montalcino e l’allungo ottenuto vincendo contro il Pratovecchio hanno di fatto lanciato la formazione della Valdichiana. "Abbiamo scritto una pagina di storia – spiega Roberto Fani che ha messo in bacheca il quarto campionato vinto – l’obiettivo era quello di risalire in Eccellenza in due anni. Certo, c’è stata la pandemia di mezzo e lo stop dei campionati, ma questa squadra ha praticamente conquistato l’obiettivo al primo tentativo. A livello personale ogni volta che dico sì alla chiamata di una società lo faccio con l’intenzione di costruire qualcosa di importante, da ricordare. Credo che questa Castiglionese ci sia riuscita. Lo dicono i numeri, i sette punti di margine dalla seconda a una giornata dalla fine, ma lo dice anche il nostro ruolino di marcia con solo due sconfitte, quattro pareggi e 17 vittorie. Questi ragazzi hanno fatto qualcosa di incredibile in 103 di storia viola e sono sicuro che si ricorderanno di loro negli anni a venire".

Quella contro il Pratovecchio è stata una giornata unica che in pochi avrebbero potuto immaginare così. "Era la domenica in cui Castiglion Fiorentino festeggia il proprio patrono. Allo stadio c’erano centinaia di tifosi, le nostre giovanili e poi era stato programmato di giocare con una maglia speciale da mettere in vendita per beneficenza. Poi è arrivata la vittoria, l’invasione di campo, l’abbraccio con i bambini delle giovanili e i tifosi – prosegue Fani – è stato unico, compresa la serata ospiti del Rione Porta Romana dove staff e giocatori hanno ricevuto l’abbraccio dei castiglionesi e i complimenti del sindaco. Anche i fuochi di artificio per la festa del patrono sembravano più viola del solito. La vittoria di una squadra d’altronde è sempre la vittoria di un’intera città".

M.M.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?