L’Acf Arezzo annuncia di aver raggiunto un accordo di collaborazione con la società spagnola del Getafe Femenino, formazione che milita nella Primera Nacional (la Serie C italiana) e riconosciuta come "Scuola Calcio". Un altro importante tassello si aggiunge al progetto dell’Arezzo Calcio Femminile che nelle ultime due settimane ha ufficializzato ben due...

L’Acf Arezzo annuncia di aver raggiunto un accordo di collaborazione con la società spagnola del Getafe Femenino, formazione che milita nella Primera Nacional (la Serie C italiana) e

riconosciuta come "Scuola Calcio".

Un altro importante tassello si aggiunge al progetto dell’Arezzo Calcio Femminile che nelle ultime due settimane ha ufficializzato ben due accordi con una società francese, il Croix Blanche Angers Football. e appunto il Getafe.

In casa amaranto si crede fortemente che questa collaborazione possa dar seguito con continuità e coerenza alla crescita delle proprie tesserate e per lo sviluppo del calcio femminile nelle due Nazioni.

"L’accordo con il Getafe è nato poiché conoscevo già il direttore sportivo Alberto Pascual incontrato più volte durante il mio periodo madrileno" –dice Silvio Bogliari, responsabile per l’Acf Arezzo dei rapporti con l’estero e diretto coinvolto nella buona

riuscita della collaborazione – "Alberto Pascual era l’allenatore dell’Ad Alhóndiga, squadra femminile storica di Getafe, che dal prossimo 30 giugno (oggi ndr) sarà il nuovo Getafe femenino. Essendo un club appena nato ma con tanta voglia di emergere, ho pensato di incontrarmi con la dirigenza del Getafe: l’accordo per lo scambio di giocatrici, quando possibile, è stato immediato così come l’intesa con il presidente Miguel Cabello, entusiasta di collaborare con noi anche perché amante della città di Arezzo".

Riguardo all’Angers è un’importante squadra francese fondata nel 1963 e l’accordo è nato grazie alla grande disponibilità dimostrata dall’allenatore Ludovic da Cunha, che conobbi prima di entrare nell’organigramma dell’Arezzo. Con poche mail, si è raggiunto l’accordo tra le società diretto allo scambio di giocatrici, qualora ce ne sia la possibilità, e all’organizzazione di amichevoli internazionali".