Vasile Izvoranu
Vasile Izvoranu

Arezzo, 7 dicembre 2018 - È stato arrestato dai carabinieri di Montemarciano, in provincia di Ancona, Vasile Izvoranu, il giovane romeno condannato per l’omicidio di Piro Macka, avvenuto il 7 settembre 2014 davanti al night Next, in via Galvani, zona Pratacci. Izvoranu era stato arrestato subito per per omicidio volontario, in concorso con la sorella Livia.

La Corte di cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dai suoi difensori e la Procura generale presso la Corte d’appello di Firenze ha emesso l’ordine di carcerazione: i militari l’hanno prelevato dalla sua abitazione a Montemarciano, dove era ai domiciliari dal 2015, per portarlo nel carcere di Montacuto: dovrà scontare la pena residua di 17 anni e nove mesi per poi essere sottoposto all’ulteriore misura di sicurezza di tre anni di libertà vigilata.

Il delitto nel piazzale del «Next». L’omicida non aveva avuto pietà: aveva a affondato il colpo dalla guancia, con la lama era scivolato fino alla scapola, aveva spezzato la clavicola e tranciato la carotide. Il ragazzo albanese era morto in ospedale, pochi secondi dopo esserci arrivato con un’auto privata. I medici non avevano fatto praticamente in tempo a toccarlo che era già spirato.

Altri due amici albanesi, anche loro feriti, fra i 25 e i 30 anni, se l’erano cavata in qualche giorno o in qualche settimana. L’accusa di omicidio era caduta sulle spalle di Vasile e della sorella Livia, poi processata per tentato omicidio e condannata a 6 anni. Vasile in primo grado era stato condannato a 26 anni, pena portata a 19 in corte d’appello a Firenze. Ora la carcerazione e 17 anni e 9 mesi da scontare.