Todi, 11 novembre 2017 - UN’INTERA NOTTE trascorsa sotto la propria vettura che gli è piombata addosso mentre lui, armato di cric, era impegnato in lavori di manutenzione sul fondo della vettura. Una storia che ha dell’incredibile e che ha rischiato di tramutarsi in tragedia. L’anziano (76 anni, residente a Monticello), si era messo a lavorare sotto la sua Fiat Panda nelle pertinenze di casa: aveva preso il cric, sollevato leggermente la vettura e si era calato sotto l’auto. Purtroppo però a un certo punto il cric ha ceduto e il mezzo gli è caduto sopra, intrappolandolo senza lasciargli nessun margine di manovra. Era giovedì sera quando l’uomo è finito sotto la Panda e ci è rimasto diverse ore. Fino all’indomani mattina, perchè in tutto questo lasso di tempo nessuno si è accorto dell’accaduto.

É STATO un amico a trovarlo: ha provato più volte a contattarlo al telefono ma, visto che non gli rispondeva, ha deciso di andare direttamente a casa per controllare di persona. E quando lo ha visto schiacciato sotto l’auto, che si dibatteva e si lamentava, ha chiamato i soccorsi. Per liberarlo è servito l’intervento dei vigili del fuoco e poi i sanitari del 118 sono accorsi e lo hanno portato in ospedale a Perugia per le valutazioni del caso. Una volta al Santa Maria della Misericordia gli è stata diagnosticata una grave ipotermia. Poi quasi miracolosamente dalla Tac è emerso che l’anziano non aveva fratture o lesioni interne gravi. Ad ogni modo, vista la situazione generale in cui versava, l’uomo è stato ricoverato in rianimazione con prognosi riservata. Per lui saranno decisive le prossime 24-48 ore. Certo è che l’anziano, che vive da solo e quindi nessuno si è accorto della sua assenza, ha trascorso una nottata da incubo, pensando magari più volte di essere spacciato. Senza contare il freddo che gli ha causato la grave ipotermia.

Francesca Marruco