Prato, 12 agosto 2017 - Maxicontrollo antidroga nella serata di venerdì ad opera dei carabinieri: impegnati i militari della Stazione di Iolo, della Compagnia di Intervento Operativo di Firenze, del Nucleo Radiomobile con l’ausilio di Unità cinofila, del Nucleo Cinofili di Firenze e ovviamente con il cane Batman, ormai una vera star.

Diverse le zone controllate: il centro storico (principalmente piazza San Domenico, via Magnolfi e Piazza Lippi) e l’area dell’ex Ippodromo di via Roma.

Sono state identificate circa 60 persone, oltre la metà gravate da precedenti per reati contro il patrimonio o legati agli stupefacenti.

Un giovane albanese, ventenne residente ad Agliana, è stato arrestato per detenzione a fini di spaccio. Rinvenuti e sequestrati complessivi 564 grammi di hashish, 6 grammi di marijuana e due di cocaina, di questi, 65 grammi di hashish sono stati sequestrati a carico di ignoti poiché trovati dal cane Batman nascosti nella vegetazione e nel terreno all’interno del parco dell’ex Ippodromo, in piazza Europa, piazza Mercatale e davanti alla Stazione Centrale.

MA IL MOMENTO più concitato è stato quelle delle 23, quando sono stati controllati i clienti del Bar Martino in via Roma in corrispondenza di uno degli ingressi dell’ex Ippodromo, particolarmente frequentato anche di sera, spesso segnalato dai residenti per la presenza in zona di soggetti dediti allo spaccio. Ma non appena sono arrivati sul posto, uno dei soggetti che stazionavano nei pressi del bar è scappato spingendo gli altri avventori, uscendo dalla porta secondaria al chiaro scopo di sfuggire al controllo.

Su via di Grignano c'era però un'altra pattuglia, piazzata lì proprio per evitare che qualcuno riuscisse a eludere il controllo. E' stato bloccato dopo alcune centinaia di metri di inseguimento nel corso del quale l’uomo aveva lasciato cadere due dei complessivi quattro panetti di hashish che aveva nascosto in un sacchetto. Arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti - in tutti 481 grammi di hashish - sarà processato per direttissima.

Da quanto si apprende, la Stazione Carabinieri di Iolo avanzerà alla Questura la proposta di sospensione della licenza del pubblico esercizio.

Nel corso dei controlli è stato arrestato anche un italiano di 40 anni che ha più volte violato l'obbligo legato agli arresti domiciliari.