Pisa, 29 ottobre 2017 - Ad Alberto Rollo, autore del romanzo «Un’educazione milanese» (Manni), è stato assegnato sabato pomeriggio il 61° premio letterario «Pisa» per la sezione narrativa, per la saggistica a Marco Rrevelli con «Populismo 2.0» (Einaudi), per la poesia a Francesco Scarabicchi con «Il prato bianco» (Einaudi). La cerimonia di premiazione ha avuto luogo nella sala «Titta Ruffo» del teatro Verdi.

Introdotta dal noto baritono pisano Giancarlo Ceccarini, presidente e infaticabile coordinatore del «Premio Pisa» da ben 27 anni, la cerimonia delle premiazioni è stata condotta da Tommaso Strambi, responsabile della redazione pisana de La Nazione. Premi speciali alla carriera al pisano Simone Guerrini (medaglia d’oro), direttore dell’ufficio di segreteria del Capo dello Stato, Sergio Mattarella; per meriti scientifici ad Adalberto Giazotto; al famoso disegnatore Nano Campeggi, mentre il tradizionale «Galeone d’Oro» è stato consegnato alla soprano Donata D’Annunzio Lombardi. Il premio «Marco Barabotti» è infine stato assegnato al giornalista pisano Renzo Castelli per il romanzo «Un uomo inutile» (ed.Ets).