Carrara, 21 aprile 2017 - Il crimine non conosce feste. Cosi anche i poliziotti, che lo scorso weekend hanno arrestato uno spacciatore di cocaina, e un extracomunitario senza permesso di soggiorno. Task force da parte degli uomini del Colombarotto in questi giorni di feste pasquali. Mentre i carrarini stavano trascorrendo con le loro famiglie le vacanze, la polizia ha mostrato i ‘muscoli’ per far sentire sicuri i carrararini, mettendo in campo ogni uomo disponibile. Un cittadino extracomunitario, il quale era gravato da un provvedimento di espulsione emesso dal prefetto di Lucca. L’uomo era stato accompagnato fuori dal territorio italiano dalla polizia di Palermo, ma dopo alcuni mesi era rientrato in Italia, prima che fosse scaduto il provvedimento di espulsione. L’extracomunitario è stato arrestato dagli agenti. La seconda operazione riguarda invece l’arresto di un giovane spacciatore, pizzicato da un controllo della polizia sul territorio: l’extracomunitario è stato bloccato dagli agenti perché trovato con della cocaina addosso, già confezionata per la vendita alla clientela. Per entrabi sono scattate le manette. La convalida è arrivata poche ore dopo: vista la pericolosità dei due, il giudice li ha spediti in carcere ed ha vietato la dimora nella nostra provincia per entrambi, con l’obbligo aggiuntivo di firma in commissariato. La polizia ha intensificato i controlli, rispondendo così in maniera concreta alla richiesta da parte dei cittadini di maggiore presenza delle pattuglie sul territorio, per una percezione maggiore di sicurezza. Il lavoro degli agenti prosegue anche nel prossimo weekend, concentrato al contrasto di sostanze stupefacenti. 

Un’operazione che ha visto sul territorio 20 pattuglie, impegnate in servizio costante di controllo della città. Gli agenti hanno collaborato con il reparto di prevenzione anticrimine Toscana di Firenze e si sono avvalsi del sistema «Mercurio» per controllare le auto in movimento. Installato sulla plancia dell’auto della polizia, questo sistema permette agli agenti di controllare le auto in movimento, anche a centinaia di metri di distanza, tramite la lettura della targa e quindi avere più velocemente i dati del proprietario del mezzo. Nell’arco di questa operazione sono stati controllati, nel weekend pasquale oltre 500 auto e fermate 200 persone per un’indagine più approfondita. Sono state tante le sanzioni elevate agli automobilisti per violazione del codice della strada, con il ritiro di alcune patenti e carte di circolazione.