Carrara, 12 gennaio 2018 - Pianeta marmo: posti di lavoro per giovani disoccupati. È stato avviato ‘Marble leap’, progetto strategico della filiera del marmo finanziato dalla Regione che prevede interventi formativi e di accompagnamento rivolti a disoccupati, occupati e futuri neo imprenditori nel settore della trasformazione e commercializzazione del marmo. Esso rientra tra i progetti formativi strategici relativi alla filiera del marmo ed è stato finanziato dalla Regione con 440mila euro circa. Prevede attività interamente gratuite e rientra nell’ambito di ‘Giovanisì’, il progetto della Regione per l’autonomia dei giovani. Il progetto nasce da una collaborazione tra Irecoop Toscana società cooperativa, Internazionale marmi e macchine, Centro sperimentale del mobile e dell’arredamento, Asev, agenzie formative che operano sul territorio, e una rete di aziende (Apuana corporate) operanti nel settore della trasformazione del marmo, rappresentate dalla Mauro Morelli marmi, impresa partner del progetto.

Il progetto è costituito da quattro azioni, finalizzate al rinnovamento delle competenze degli operatori del settore e all’ingresso di nuovo personale qualificato nell’ambito della lavorazione del marmo e della sua commercializzazione sia comelavoratori dipendenti, sia autonomi. Tutte le attività saranno realizzate in città a partire da febbraio e si concluderanno ad aprile del prossimo anno. La prima azione è rivolta a disoccupati e prevede la formazione di quattro figure professionali attraverso i rispettivi corsi di addetto alla lucidatura e levigatura di materiali lapidei di 1010 ore (375 di stage) per 10 allievi; addetto alla lavorazione del marmo, 900 ore (300 di stage) per 10 allievi; tecnico della progettazione di prodotti industriali, corso di 710 ore (220 di stage) per 10 allievi; tecnico del marketing corso di 710 ore (250 stage) per 10 allievi.

Per accedere ai corsi è necessario essere maggiorenni disoccupati, inoccupati o inattivi, residenti in Italia. Le azioni due e tre prevedono un percorso integrato di orientamento (6 ore), formazione (2 corsi di 80 ore) e consulenza (6 ore) per la creazione di impresa elavoro autonomo. L’azione due è rivolta a giovani fino a 29 anni, mentre l’azione tre è destinata a over 30. Ogni attività sarà replicata in due edizioni. L’azione quattro invece prevede sei corsi di aggiornamento professionale altamente innovativi per occupati, ossia imprenditori e lavoratori di imprese beneficiarie individuate dal partenariato in fase di progettazione. Si tratta complessivamente di sei corsi per una durata complessiva di 260 ore.