Carpi, 27 gennaio 2018 – Crolla lo Spezia a Carpi e nessuno se lo aspettava. Interrompe così la serie di cinque risultati utili consecutivi il team aquilotto che, al ‘Cabassi’, va sotto per il gol di Mbakogu (che aveva deciso l’andata al ‘Picco’), riesce a pareggiare con Terzi, ma si distrae in contropiede e rimedia il gol dall’altro attaccante Emiliano Melchiorri che fissa il 2-1 definitivo. Lo Spezia scivola così al 10° posto.

Gallo fa esordire Mora dall’inizio e sceglie Marilungo a sostituire l’infortunato Gilardino, mentre Mastinu viene preferito in avvio a Palladino. Dalla parte opposta il Carpi si affida alla coppia di attacco Mbakogu-Melchiorri. Passano cinque minuti dal fischio d’inizio e sulla bellissima torre di Granoche a centro area, nessun compagno è pronto a scagliare verso la porta avversaria. È l’ultimo arrivato Mora a tentare la via del gol al 9’, ma il suo tiro dal limite finisce oltre la traversa. La conclusione dalla distanza di Calapai, dall’altra parte (17’), termina alta. La prima vera occasione arriva al 21’ con la combinazione Mastinu, Marilungo, De Col,  con il difensore a scaricare il destro. Alla mezzora Pasciuti mette al centro e Mbakogu è rapidissimo a girare, spalle alla porta, mandando il pallone di poco fuori. Ed è incredibile però l’errore dell’attaccante di colore al 35’ quando non riesce a dare potenza a palla arrivata al limite dell’area piccola e praticamente l’appoggia tra le braccia di Di Gennaro. Dopo l’incertezza e l’erroraccio di Mora al limite dell’area, ne approfitta Verna al 46’ ma spara alle stelle.

Con gli stessi 22 inizia la ripresa e lo Spezia è pericoloso al 4’ quando Bolzoni riprende una corta respinta della difesa e scarica da fuori area un destro ad uscire, che prende in controtempo l’immobile Colombi, andando vicino al palo alla sua sinistra. E mentre Gallo inserisce Palladino per dare fantasia al team, Terzi resta fuori per qualche minuto intorno al quarto d’ora per un taglio alla testa, dopo uno scontro fortuito con Mbakogu. Stimola Di Gennaro al 19’ con una conclusione da fuori Verna, ma il portiere è attento e si distende sulla propria destra. I padroni di casa rompono il loro lungo digiuno che durava da tre partite, andando a segno al 25’: sugli sviluppi di un corner, Mbakogu da due passi controlla e beffa Lopez che lo marca, con i Gennaro in disperato intervento sui suoi piedi. È l’1-0. Passano due minuti e lo Spezia pareggia con Terzi: corner dalla sinistra, torre di Mora e il capitano, pur con il ‘turbante’ in testa, incorna alle spalle di Colombi. È l’1-1. Ma non finisce qui perché al 33’ il Carpi torna nuovamente avanti: Mbakogu innesca Melchiorri che supera in velocità Giani e con un preciso lob, infila Di Gennaro in uscita. Il tris potrebbe arrivare al 42’ ma Mbakogu se lo divora dopo aver bruciato in allungo Giani e De Col, ma a tu per tu con Di Gennaro, sparando a lato. Il Carpi poi controlla fino al triplice fischio e lo Spezia non impensierisce più Colombi. Appuntamento per il riscatto a lunedì 5 febbraio al Comunale di Chiavari a sfidare l’Entella.

 

Carpi-Spezia 2-1

PRIMO TEMPO 0-0

CARPI (4-4-2): Colombi; Pachonik, Poli, Ligi, Pasciuti; Calapai (32’ st Bittante), Verna (42’ st Mbaye),Sabbione, Belloni (21’ st Saric); Melchiorri, Mbakogu. A disp. Serraiocco, Brunelli, Capela, Concas, Giorico, Malcore, Brosco, Nzola, Hraiec. All. Calabro.

SPEZIA (4-3-1-2): Di Gennaro; De Col, Terzi, Giani, Lopez; Mora, Bolzoni, Pessina (39’ st De Francesco); Mastinu (12’ st Palladino); Granoche, Marilungo (24’ st Forte). A disp. Bassi, Manfredini, Capelli, Ceccaroni, Juande, Augello, Corbo, Maggiore, Masi. All. Gallo.

Arbitro: Giua di Olbia (assistenti Cipressa di Lecce e Scatragli di Arezzo; quarto uomo Curti di Milano).

Marcatori: 25’ st Mbakogu (C), 27’ st Terzi (S), 33’ st Melchiorri (C).

Note: spettatori 3.000 circa. Ammoniti Ligi, De Col, Lopez, Colombi, Pasciuti. Tiri in porta 5-3. Tiri fuori 6-5. In fuorigioco 0-0. Angoli 5-10. Recuperi 1’ pt e 4’ st.