Firenze,  18 gennaio 2018 - Federica Dassù è la nuova coach regionale della Toscana. Lo ha deciso il consiglio della Federazione italiana golf riunitosi a Roma. Sessanta anni, prima giocatrice professionista in Italia a partire dal 1983 e vincitrice di sei tornei nella sua ventennale carriera sull'European Tour, Federica Dassù ha terminato lo scorso dicembre la lunga esperienza di coach delle Nazionali femminili: dilettanti dal 1993 al 2008, professioniste dal 2012. Diana Luna, Margherita Rigon e Vittoria Valvassori sono state le giocatrici più forti che ha allenato. Insieme a suo fratello maggiore Baldovino, anche lui primo giocatore professionista nel nostro Paese, è stata inserita nella Hall of fame della Pga italiana. Federica Dassù lavora all'Ugolino dal 2009, dove ha fatto crescere, solo per citare alcuni dei giovani più in vista nel panorama italiano, Federico Zuckermann, Letizia Bagnoli e Caterina Tatti. Nel nuovo incarico succede a Emanuele Canonica, che ha abbandonato dopo appena due anni.

«E' la prima volta che affronto l'esperienza di coach regionale - ha detto Federica Dassù - e ritengo che questo sia un riconoscimento anche per la scuola dell'Ugolino, della quale sono Head coach, e che nel 2016 ha vinto il premio Seminatore d'oro per il lavoro svolto a livello giovanile«. Come intende svolgere il suo nuovo incarico? «Voglio creare collaborazione con i maestri di tutti i circoli toscani, non mi voglio affatto sostituire a loro. Penso di organizzare due raduni l'anno, basati su molto gioco e poca tecnica, con i giovani giocatori accompagnati dai loro maestri. Seguirò l'attività dai 6 ai 16 anni, con l'obiettivo di aumentare la quota degli under 12. Andrò a giro nei circoli e a vedere le gare, sarò una dispensatrice di consigli mantenendo uno stretto contatto con i maestri«. Oltre ai nuovi progetti come coach regionale, Federica Dassù ha varato per i giovani dell'Ugolino un programma di collaborazioni esterne di primissimo livello. Sono previsti incontri con Alberto Binaghi, direttore tecnico della Squadra nazionale Amateur, e Giovanni Gaudioso, esperto di tecnologie, maestro della Nazionale e membro dello staff di Binaghi. Antonello Bovari, presidente Pgai e consigliere Fig, incontrerà allievi e genitori per programmare l'attività agonistica in base al calendario delle gare, l'Ordine di merito e il ranking.