Firenze, 19 settembre 2017 - Per dare il benvenuto al Dalai Lama, in visita a Firenze (dove ha inaugurato il Festival delle religioni) il Partito radicale non violento transnazionale e transpartito e l'associazione radicale fiorentina "Andrea Tamburi" hanno organizzato un flash mob in piazza Signoria con una grande scritta: «Welcome Dalai Lama».

In una nota, l'associazione "Andrea Tamburi", sottolinea che l'iniziativa è stata realizzata "per dare un piccolo ma significativo contributo affinché la diluizione etnica del popolo tibetano e la distruzione sistematica di una cultura millenaria portatrice di una vocazione, anche politica, nonviolenta venga interrotta dalla comunità internazionale".

"È una manifestazione politica per la libertà del Tibet e per la democrazia in Cina", ha spiegato Massimo Lensi, esponente dell'associazione radicale fiorentina «Andrea Tamburi», il quale ha anche ricordato l'amicizia fra Marco Pannella e il Dalai Lama. "Non è una iniziativa contro la manifestazione delle associazioni Italia-Cina a piazzale Michelangelo - ha precisato Lensi - noi non vogliamo metterci in contrasto con nessuno: ognuno è libero di fare le manifestazioni che più ritiene opportune". Fra i presenti al flash mob, oltre a esponenti del Prntt e dell'associazione Tamburi, anche una delegazione dell'Associazione Italia-Tibet, guidata dal presidente Claudio Cardelli.