Firenze, le lacrime di un operaio: "No ai morti in fabbrica"