Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Il Grifo vuol ribaltare ancora dati e pronostici

Il Monza vale 45 milioni (tre volte i biancorossi), ma il campo all’andata ha raccontato un’altra storia. E poi c’è una tradizione da conservare

francesca mencacci
Sport
Il difensore biancorosso Filippo Sgarbi pronto al rientro
Il difensore biancorosso Filippo Sgarbi pronto al rientro
Il difensore biancorosso Filippo Sgarbi pronto al rientro

di Francesca Mencacci

Il Monza vale tre volte il Perugia: sulla carta la regina contro la cenerentola, la squadra resa big da Berlusconi e Galliani che deve salire e la neo promossa che deve salvarsi. Il Grifo di Santopadre ha un valore di mercato (secondo transfermarkt) di 15,7 milioni di euro, mentre il Monza vale 45 milioni di euro, in quanto a ingaggi il Perugia occupa le zone basse della classifica con 6,4 milioni, contro i 21,3 del Monza, secondo nella specifica graduatoria alle spalle del Parma. Numeri, cifre messe nero su bianco ma che il campionato ha ribaltato: sul campo le due squadre, all’andata, hanno pareggiato per 2-2 con il Perugia ad un passo dal successo sfumato a tempo scaduto. Un girone fa il Grifo era decimo, il Monza sesto, oggi i biancorossi sono noni e i brianzoli secondi. Oggi il Grifo insegue un sogno, la conquista dei play off che può arrivare non solo con il successo del gruppo di Alvini al Curi ma anche con la sconfitta del Frosinone in casa con il Pisa. Il sogno del Monza è più a portata di mano, ma la tradizione in questo caso può dare una mano alla squadra di Alvini: negli undici precedenti disputati al Curi, infatti, il Perugia ha conquistato ben dieci vittorie e un pareggio.

Positivo anche il bilancio di Alvini con il Monza: nei quattro precedenti il tecnico ha conquistato due vittorie, un pari e una sconfitta. In perfetto equilibrio i precedenti di Stroppa con il Grifo: sei volte contro, con due pareggi, due vittorie e due sconfitte.

Il Monza si presenterà, con molta probbailità con la squadra che nell’ultimo turno ha schiantato il Benevento per 3-0, con il classico 3-5-2 di Stroppa. Il Perugia sta cercando di studiare le contromisure per affrontare un avversario che in casa ha fatto sognare, mentre in trasferta ha palesato qualche limite, tanto da essere l’undicesimo rendimento del campionato con sei vittorie, sei pareggi e altrettante sconfitte. Alvini dovrà rinunciare a Dell’Orco e Angella, due pezzi da novanta in difesa, ma ieri sono tornati a lavorare con la squadra sia Rosi che Curado. Buone notizie anche da Lisi, mentre Sgarbi procede a grande ritmo verso il rientro dal primo minuto. In mediana non ci sarà Kouan, autore del gol a Monza, in attacco invece salterà Olivieri, entrambi per squalifica. Campo, quindi, a Segre e De Luca che nel derby erano in panchina.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?