Umbria, 43ª edizione. Salone del tartufo bianco a Città di Castello

Domani si chiude il Salone nazionale del tartufo bianco pregiato a Città di Castello. Un'occasione per scoprire, assaggiare, acquistare e conoscere tutto ciò che riguarda questa eccellenza italiana. Un'opportunità per esaltare il legame con la terra e le tradizioni che lo rendono unico al mondo.

Salone del tartufo bianco a Città di Castello
Salone del tartufo bianco a Città di Castello

Chiuderà domani il Salone nazionale del tartufo bianco pregiato, manifestazione che si svolge a Città di Castello e che permette di scoprire ogni segreto del tartufo bianco, di assaggiarlo, acquistarlo e conoscere chi lo cerca nei boschi e chi lo esalta in cucina, parlando con chi lo vive e lo racconta come una tradizione che è parte delle sue radici. "Nessun luogo come Città di Castello parla del tartufo e qui, dove la trifola, l’oro bianco, è un’eccellenza e non una rarità come altrove, perché è abbondante, la nostra ambizione è di raccontare ed esaltare il suo legame con la terra, il valore aggiunto inimitabile di una storia, di una tradizione, di esperienze che lo rendono unico e desiderato in tutto il mondo", hanno ricordato no il sindaco Luca Secondi (nella foto) e l’assessore al commercio e al Turismo Letizia Guerri presentando la 43ª edizione del Salone.