E’ stato sottoposto ieri a tampone il giocatore del Siena sospetto positivo (il club, sabato, ha richiesto, per questo, il rinvio della trasferta a San Giovanni Valdarno). L’esito dell’esame arriverà, dovrebbe arrivare, nella giornata di oggi. Nel caso in cui il risultato fosse negativo le tempistiche perché la squadra di Gilardino possa recuperare, domani, la gara sul campo di Civita Castellana contro la Flaminia ci sarebbero. Anche...

E’ stato sottoposto ieri a tampone il giocatore del Siena sospetto positivo (il club, sabato, ha richiesto, per questo, il rinvio della trasferta a San Giovanni Valdarno). L’esito dell’esame arriverà, dovrebbe arrivare, nella giornata di oggi. Nel caso in cui il risultato fosse negativo le tempistiche perché la squadra di Gilardino possa recuperare, domani, la gara sul campo di Civita Castellana contro la Flaminia ci sarebbero. Anche se, Guidone e compagni, sarebbero costretti a scendere in campo con, in pratica, un mezzo allenamento sulle gambe, considerato che il gruppo squadra, in questi giorni, non ha svolto alcuna attività. Una vera follia, benché la richiesta dello slittamento del match, sia partita proprio dal club bianconero.

A complicare ancora di più le cose, la decisione definitiva che deve prendere la Lega sulla continuazione o meno del campionato, attesa già nelle scorse ore. Nella tarda serata di ieri non era ancora arrivata alcuna comunicazione in merito: la sensazione è che i vertici della Lnd, prima di esprimersi ufficialmente, aspettino il dpcm del premier Conte. Ma intanto qualche indiscrezione, su quella che potrebbe essere la strada, è trapelata. Sembra infatti che una delle ipotesi più accreditate sia quella di bloccare il campionato per tutto il mese di novembre ma, contemporaneamente, cercare di recuperare nello stesso periodo, le gare rinviate in questa prima parte di stagione (oltre 100 in tutta la quarta categoria), con l’obiettivo di rendere il meno falsata possibile la competizione (?). Da capire però in quale modalità, visto che se non verranno cambiate le attuali misure sanitarie, il rischio di incorrere in ulteriori stop è più che concreto. Il Siena quindi è in attesa di capire come muoversi, con una gara che potrebbe anche svolgersi tra 24 ore. Se però il tampone cui è stato sottoposto ieri il giocatore bianconero dovesse risultare positivo, il campo si trasformerà in quello delle certezze: l’intero gruppo squadra sarà messo in quarantena e dovrà esso stesso sottoporsi a tampone. E quindi la Robur non scenderebbe in campo né domani a Civita Castellana, né domenica al Franchi contro il Montespaccato. Una situazione davvero incredibile.

Angela Gorellini