Il campionato di serie D proseguirà. Così hanno deciso, a larga maggioranza, i club della quarta categoria nel sondaggio proposto loro dalla Lega. Niente sospensione fino al 24 novembre, data fissata dall’ultimo dpcm, the show must go on. Ma, sempre fino a tale giorno, niente tifosi allo stadio. La grande novità, allora riguarda l’opportunità offerta dal Consiglio del Dipartimento interregionale Lnd, d’intesa con il presidente Cosimo...

Il campionato di serie D proseguirà. Così hanno deciso, a larga maggioranza, i club della quarta categoria nel sondaggio proposto loro dalla Lega. Niente sospensione fino al 24 novembre, data fissata dall’ultimo dpcm, the show must go on. Ma, sempre fino a tale giorno, niente tifosi allo stadio. La grande novità, allora riguarda l’opportunità offerta dal Consiglio del Dipartimento interregionale Lnd, d’intesa con il presidente Cosimo Sibilia, alle società: poter trasmettere in diretta gli incontri sui propri canali web e social. Il Siena, deciso a cogliere questa possibilità, si è allora messo subito in moto per permettere ai suoi tifosi di assistere via streaming alla gara di Guidone e Compagni in programma domenica sul campo della Sangiovannese (fischio di inizio alle 14,30). E sembra proprio che la diretta si farà. Tra l’altro la società bianconera sta spingendo sull’acceleratore anche per mettere on line, nel più breve tempo possibile, quindi entro qualche giorno, il nuovo sito internet, in modo che la partita di San Giovanni Valdarno possa essere seguita anche lì (proprio ieri pomeriggio la Sangiovannese ha ‘debuttato’ con questa modalità, trasmettendo sui propri canali la partita con la Pianese).

Si tratta insomma di una bella notizia in un momento particolarmente delicato, in cui il Coronavirus sta dettando legge sui campi della D, con continui rinvii e incontri da recuperare. Il problema, ai piani bassi, è che lo stop arriva anche se risulta positivo un solo tesserato o il parente di componente del gruppo squadra. Per questo le società stanno facendo fronte comune per cercare di cambiare il protocollo in vigore e presentare alla Lega una proposta che possa risultare sostenibile. Una proposta a cui stanno lavorando non solo i dirigenti ma anche i responsabili sanitari delle diverse società. L’Acn Siena, dal canto suo, ha chiesto apertamente, "con fermezza" un adeguamento alle regole in materia sanitaria ai campionati professionistici, per tutelare la salute dei giocatori, ma anche gli investimenti fatti dalle società per tutelare i propri atleti. Potrebbero insomma registrarsi a breve dei cambiamenti, mentre altre partite, nel prossimo fine settimana, non si giocheranno.

Angela Gorellni