Salirà sul ring domani sera, il pugile senese Simone Bicchi (foto), al quarto combattimento da professionista (3-0-0). Lo farà nel corso della serata dedicata all’assegnazione del titolo mondiale Ibo dei Superpiuma, conteso tra l’italiano Magnesi, suo compagno alla Body Boxe di Civitavecchia,...

Salirà sul ring domani sera, il pugile senese Simone Bicchi (foto), al quarto combattimento da professionista (3-0-0). Lo farà nel corso della serata dedicata all’assegnazione del titolo mondiale Ibo dei Superpiuma, conteso tra l’italiano Magnesi, suo compagno alla Body Boxe di Civitavecchia, scuola della famiglia Branco e di Mario Massai, e Kinigamazi. L’evento, in scena al palazzetto dello sport di Fondi, si sarebbe dovuto svolgere lo scorso 6 novembre, ma per la positività del pugile ruandese, gli organizzatori (Bbt Boxing team di Davide Buccioni e A&B events di Alessandra Branco) sono stati costretti a rimandarlo. "Sono pronto – dice oggi Bicchi – la preparazione è stata lunghissima: undici mesi senza combattere, causa Covid sono enormi. Per me è anche l’occasione di testare questo ‘nuovo mondo’ dopo il trasferimento da Siena a Civitavecchia". Trattandosi di un appuntamento di spicco nel panorama pugilistico internazionale (l’Italia non ospita l’assegnazione di un titolo mondiale da 11 anni) la serata sarà trasmessa da SportItalia (digitale terrestre, canale 60) a partire dalle 20. Bicchi affronterà il serbo Mancic (Guainella, l’avversario con cui avrebbe dovuto combattere a inizio mese si è infortunato): un pugile "mestierante" con all’attivo una sola vittoria ma per ko, 8 sconfitte (di cui 4 per ko) e 1 pareggio. "Sulla carta non è un ostacolo insormontabile – afferma Bicchi –, ma non prendo certo la sfida sottogamba. Lo affronterò con il massimo rispetto".

Angela Gorellini