Dopo l’incidente tentano la fuga . Cinque auto pirata: guidatori presi

Escalation di inciviltà a Poggibonsi, ma i colpevoli hanno fatto poca strada grazie alla polizia municipale

Dopo l’incidente tentano la fuga . Cinque auto pirata: guidatori presi

Dopo l’incidente tentano la fuga . Cinque auto pirata: guidatori presi

Un escalation di inciviltà. E’ boom di auto pirata. Da un mese a questa parte a Poggibonsi si sono registrati ben cinque casi di pirateria stradale: automobilisti che si sono dati alla fuga dopo avere provocato un incidente. Ma non hanno fatto molto strada: in tutti i sensi, dal momento che la polizia municipale del comando cittadino lì ha beccati tutti. Trattandosi per fortuna di incidenti senza feriti, ma solo con danni alle auto, per i furbetti non è scattata la denuncia penale per omissione di soccorso. Per loro, come previsto dal codice della strada, una multa piuttosto salata di 303 euro e la decurtazione di quattro punti dalla patente. Un fenomeno quello delle auto pirata, sempre più diffuso in Italia. Le ultime statistiche parlano di un aumento del 20 per cento, un dato preoccupante. La lingua dei numeri dice che nel territorio comunale di Poggibonsi la municipale riesce a risalire e a identificare il 90 per cento dei pirati della strada: incastrati dalle telecamere e dal fiuto degli agenti, che risalgono a loro dopo tutta una serie di indagini e accertamenti. Al buon esito delle indagini ontribuiscono spesso anche i cittadini. La loro collaborazione e il loro senso civico sono fondamentali. Elevatissima, insomma, la percentuale dei pirata della strada scoperti dopo la fuga: una percentuale che tuttavia non sembra frenare più di tanto questi comportamenti illeciti. Un altro fenomeno in crescita su scala nazionale è quello di chi si mette al volante dopo aver alzato il gomito. Un automobilista è stato denunciato dalla polizia municipale per guida in stato di ebrezza, dopo avere provocato un incidente che non è finito in tragedia soltanto per una fortunata serie di coincidenze. A finire nei guai con la giustizia, un poggibonsese che è stato anche pesantemente multato e a cui inoltre è stata revocata la patente e sequestrata l’auto. L’alcol, si sa, è una delle principali cause di incidenti. Una tendenza, quella di mettersi alla guida dopo avere ecceduto nel consumo di alcolici, in costante crescita anche nella nostra provincia e che non riguarda solo i giovani. Da qui, l’assoluta necessità di arginarla con la prevenzione, adeguate campagne di sensibilizzazione e intensificando, da parte delle forze dell’ordine, i controlli sulle strade più transitate e pericolose.