Tragedia nel giorno della vigilia. Si schianta e muore in autostrada mentre sta facendo ritorno a casa

Alessandro Rossi, autotrasportatore di 49 anni, era stato a Viareggio per uno scambio di auguri con amici. Ha perso il controllo della sua Hyundai, forse a causa di un malore, tra i caselli di Massa e di Carrara.

Tragedia nel giorno della vigilia. Si schianta e muore in autostrada mentre sta facendo ritorno a casa

Alessandro Rossi era un volto familiare a Sarzana, dove era cresciuto e ancora viveva. Avrebbe tagliato il traguardo dei 50 anni il prossimo giugno

Un Natale davvero triste per la città, sconvolta dalla tragedia che ha colpito una famiglia conosciutissima a Sarzana. La morte di Alessandro Rossi, 49 anni, ha reso amara la giornata di festa segnata dal tragico passaparola sulla scomparsa di un volto caro e a tutti famigliare. Alessandro avrebbe tagliato il traguardo dei 50 anni il prossimo giugno ma per tutti era rimasto il ragazzino che aveva iniziato giovanissimo a lavorare a buffet della Stazione dove era amato per il suo carattere sempre allegro e il sorriso. Sempre pronto alla battuta e anche se il nuovo lavoro gli imponeva orari differenti non mancava di salutare la sua "vecchia" compagnia soprattutto la domenica mattina e nelle giornate di festa.

Rossi l’altro pomeriggio stava rientrando da Viareggio dopo il pomeriggio trascorso insieme a alcuni amici per il classico brindisi natalizio e lo stavano aspettando a casa in via Aurelia la mamma Luana, la compagna Claudia e il fratello Maurizio. Erano preoccupati del ritardo e così lo hanno ripetutamente cercato sul telefonino non ricevendo nessuna risposta fino alla drammatica chiamata da parte della Polstrada intervenuta per i rilievi dell’incidente avvenuto sulla A12 tra i caselli di Massa e Carrara. Alessandro era per altro un guidatore molto esperto. Infatti dopo il lavoro al bar della Stazione in piazza Jurgens ha iniziato l’attività di autotrasportatore proseguendo le orme del padre ed era dipendente dell’azienda Sernav di Santo Stefano Magra. Aveva confidenza con l’autostrada e per questo è probabile che abbia perso il controllo della sua Hyundai a causa di un malore andandosi a schiantare contro il guardrail.

Il funerale di Alessandro verrà officiato domani, giovedì, alle 15 alla cattedrale di Santa Maria Assunta dove la salma arriverà dall’ospedale di Carrara dove è stata composta dopo l’incidente avvenuto il pomeriggio della vigilia di Natale sull’autostrada A12 tra Massa e Carrara.

La famiglia di Alessandro era conosciutissima, addiritura la nonna Maria è stata una vera istituzione cittadina avendo per anni gestito una bancarella per la vendita di biscotti e poi delle famose caldarroste in inverno e angurie in estate. Anche il fratello maggiore Maurizio lavora da anni nel campo delle assicurazioni. Alessandro lascia nel dolore oltre alla mamma Luana, la compagna Claudia e il fratello Maurizio anche il nipote Marco e tantissimi amici. Dopo la cerimonia funebre il corte proseguirà per il cimitero di Turigliano per la cremazione.

Massimo Merluzzi