Ambulanza
Ambulanza

Castelnuovo Magra, 6 agosto 2018 - Una domenica di pesca poteva costare cara a un trentenne, evidentemente non pratico della disciplina ma attratto dall’acqua limpida del canale. Per colpa di un’esca rimasta incagliata a un albero l’uomo, residente a Castelnuovo, è ricoverato all’ospedale Sant’Andrea della Spezia dove è stata aperta la choc room non appena i sanitari lo hanno visitato dopo il volo da un albero.

L’incidente è accaduto ieri pomeriggio lungo le sponde del canale Lunense, in via Olmarello, al confine tra i territorio di Luni e Castelnuovo. L’uomo voleva pescare e aveva tutta l’attrezzatura adatta ma al momento del lancio la canna si è impigliata nel ramo di un albero. Dopo aver provato a liberarla ha deciso di provvedere direttamente, arrampicandosi per circa tre metri.

Ma l’equilibrio è venuto meno e l’uomo è piombato a terra pesantemente. Le grida di dolore sono state fortunatamente ascoltate dai titolari di un maneggio poco distante che seguendo i lamenti sono arrivati al giovane riverso a terra. Sul posto sono prontamente arrivati i soccorritori della Pubblica assistenza di Luni che dopo il primo intervento di stabilizzazione hanno allertato l’automedica del 118. L’uomo lamentava una serie di traumi a testa, bacino, costato e probabilmente la frattura del femore.

m.m.