Maltempo, ripristinati i locali del pronto soccorso di Prato. Fuori uso gli ascensori

Tornato a funzionare a pieno regime l’ospedale di Pontedera

I vigili del fuoco all'ospedale di Prato
I vigili del fuoco all'ospedale di Prato

Prato, 3 novembre 2023 –  Si sta tornando alla normalità al pronto soccorso di Prato, i cui locali si sono allagati a causa del maltempo. Gli ascensori sono ancora fuori uso e ciò non permette una piena operatività della struttura ospedaliera. I tecnici, comunque, per tutta la notte tra giovedì 2 e venerdì 3 novembre sono stati al lavoro per ripristinare locali e servizi e poter riprendere le attività. Durante l’emergenza sono state mantenute aperte gran parte delle attività ambulatoriali, l’attività chirurgica in urgenza, i parti e il day hospital oncologico. Per la dialisi sono state garantite le urgenze.  Dalla mattinata di venerdì 3 novembre è invece tornato alla piena operatività l’ospedale di Pontedera, in provincia di Pisa. 

Nel territorio dell’Asl Toscana Centro si sono registrati disagi anche nell’ospedale del Mugello, dove con un’unica sala operatoria agibile sono stata garantite solo le urgenze e bloccata l’attività programmata, oncologia esclusa. Qualche infiltrazione in una sala operatoria anche all’ospedale San Giovanni di Dio tra Firenze e Scandicci: il problema non ha creato però problemi alla programmazione degli interventi.

Chiamate al 112

Durante l’emergenza la centrale operativa del numero unico di emergenza 112 ha gestito 15.971 chiamate, dalle 16 di giovedì 2 novembre fino alle 13 di venerdì 3 novembre. Nel 75 per cento dei casi si è trattato di richiesta di intervento dei vigili del fuoco, il 15 per cento per emergenze sanitarie e il resto chiamate alle forze dell’ordine. D’accordo con i comandi dei vigili del fuoco, è stata la centrale a filtrare le chiamate prioritarie, che sono state 1.230, in modo da gestire meglio gli interventi nelle zone più colpite dal maltempo.