Un momento delle premiazioni (foto Regalami un sorriso onlus)
Un momento delle premiazioni (foto Regalami un sorriso onlus)

Lamporecchio (Pistoia), 27 novembre 2018 - Nonostante la pioggia e la concomitanza con la Firenze Marathon, circa 300 concorrenti si sono presentati al via della ventinovesima edizione del Trofeo della Contea delle Cerbaie organizzato dalla Polisportiva Circolo Arci Tamburini di Cerbaia sulla distanza di 15 km per i competitivi e di 15, 9 e 3,5 km per i partecipanti alla ludico motoria.

Il successo è andato al fiorentino Samuele Oskar Cassi (Atletica Calenzano) che concludeva con il tempo di 54'11'' precedendo di 26'' Federico Mattelli (Orecchiella Garfagnana) e di 43'' Andrea Silicani (Atletica Casone Parma), al quarto posto Ibrahima Sidibe (Pieve a Ripoli) e quinto Simone Gamenoni (La Stanca Valenzatico).

Franco Bertelloni (Stracarrara) si aggiudica la categoria veterani uomini, terminando la gara in 58'38'', secondo posto per David Pellegrinotti (Le Lumache Mezzana Prato), e terzo Marco Osimanti (Lucca Marathon).

Nei veterrani argento il primo posto se lo aggiudica Alberto Tofanelli (Toscana Atletica Empoli) con il tempo di 1h05'41'', al secondo posto Roberto Mei (Silvano Fedi Pistoia) e terzo Stefano Balestri (Atletica Vinci).

Primo posto nelle donne assolute per la pesciatina Claudia Astrella (Atletica Cstello Firenze) che conclude in 1h00'50'', seconda staccata di 45'' Martina Mantelli (Toscana Atletica) e terza a 1'05'' Linda Grazzini (Podistica Avis Copit Pistoia), seguono poi Michela Sotgia (La Galla Pontedera Atletica) e Ambra Pucci (Nuova Atletica Lastra).

Ancora una rappresentante dei biancoverdi dell' Atletica Castello Firenze sul podio più alto della categoria donne veterane e si tratta di Tiziana Gianotti che termina la gara in 1h00'38'', al secondo posto Eva Grunwald (Luivan Settignano) e terza Maria Giovanna Puzzola (Toscana Atletica Empoli).

Con 15 iscritti si aggiudica il trofeo il Gruppo Sportivo Pieve a Ripoli,seguito dalla Podistica Avis Copit Pistoia (14) e dalla Silvano Fedi Pistoia (11).

Commento a cura di Giancarlo Ignudi