Polemiche sulla raccolta rifiuti
Polemiche sulla raccolta rifiuti

Montecatini 10 settembre 2018 - L’amministrazione comunale di Montecatini, «a fronte di numerose proteste e segnalazioni di disservizi – dichiara in una nota dell’ufficio stampa – spesso visibili (e condivisibili) sottolinea l’intenzione di voler sollecitare sia Ato Toscana Centro che Alia Spa, dal 1 marzo scorso gestore del servizio di raccolta rifiuti, sul rispetto degli impegni assunti e sulle criticità emerse. Criticità già messe nero su bianco nella lettera dei sindaci firmata lo scorso 2 luglio rispetto alla quale persistono purtroppo situazioni irrisolte: in questo senso, la fase attuale comunicata da parte di Alia, «siamo in un lungo periodo di transizione, almeno fino al 2020», non può certo consentire di sopportare troppi disservizi per i cittadini».

«La ferma volontà – prosegue il Comune – è quindi quella di sollecitare Ato e Alia a una maggiore rapidità nella risoluzione di problemi emersi dall’avvio del servizio del nuovo gestore. In particolare si segnala una non sempre adeguata comunicazione all’utenza in merito alla raccolta e al ritiro di alcuni tipi di rifiuti e di ingombranti, errori frequenti, spostamenti di cassonetti, disguidi e comunicazioni inefficaci tra utenti e operatori del call center. Si invitano in questo senso i cittadini a segnalare disservizi in primo luogo direttamente ai numeri forniti dal gestore Alia e anche all’ufficio ambiente del Comune.

Nell’ultimo incontro con i responsabili di Ato, avvenuto durante la scorsa settimana, sono state ricordate ed evidenziate per l’ennesima volta tutte queste problematiche, affinché Ato, facendo pressione su Alia, prenda i provvedimenti opportuni a partire dall’applicazione delle penali». Rimane insomma alta la tensione su una questione importante come la raccolta rifiuti. In particolare a Montecatini, ma anche in altri comuni della Valdinievole. Pochi giorni fa a Pescia si è tenuta una conferenza stampa congiunta Comune-Alia per fare il punto della situazione e annunciare prossimi cambiamenti nella raccolta.

A Buggiano è di poche settimane fa la protesta del capoluogo storico al Castello in merito alla raccolta dei residui verdi delle potature dei giardini storici protagonisti ogni due anni della nota manifestazione di livello nazionale. La raccolta programmata una sola volta a settimana costringe i proprietari a tenersi per giorni e giorni i sacchi ingombranti.