Il  teatrino dei Fratelli Cristiani  era gremito
Il teatrino dei Fratelli Cristiani era gremito

Massa, 26 gennaio 2020 - «Se vogliamo riconquistare Massa e Carrara dobbiamo vincere le regionali con Eugenio Giani». A lanciare l’appello, ieri sera, è stato Giacomo Bugliani, consigliere regionale uscente del Pd. Davanti a lui, il teatrino dei Fratelli cristiani gremito di gente, tanta da non riuscire ad entrare. «Questa è la risposta più bella all’inizio di una campagna elettorale. Eugenio Giani ha dato un bel segnale scegliendo di avviare la campagna nel nostro capoluogo – ha detto Bugliani –. Il percorso che ci aspetta sarà difficile e complesso. Non solo dobbiamo mettere al centro quello che abbiamo fatto in questi anni ma anche quello che faremo. La difficoltà è arrivare al cuore delle persone». E ha stigmatizzato quanto successo a Mondovì, la svastica sulla porta indicando l’ebrea. «Dietro quella stella c’è un richiamo inquietante. La politica ha il dovere di tramandare la memoria della Shoa, perchè quegli orrori non accadano più».

Dopo di lui ha preso la parola Eugenio Giani, presidente uscente del consiglio regionale e candidato presidente della Toscana «Abbiamo imparato la lezione – ha esordito Eugenio Giani, -.Proprio oggi ho il documento di quindici sigle politiche tra cui Italia Viva, Più Europa, lista Verdi, Repubblicani, comitati civici per una grande coalizione. Erano rimaste fuori tre forze: Articolo uno, Sinistra italiana e Sinistra in Toscana. Ebbene anche queste tre hanno firmato con me. Oggi raccogliamo una importante coalizione di ben 18 forze politiche. Credo nei partiti ma non ci arroccheremo su questo. Grande apertura anche per le liste civiche. A Massa ricordo la grande esperienza dell’ex sindaco Roberto Pucci, che si rivelò vincente». Tra i presenti in sala il presidente della Provincia Gianni Lorenzetti, l’onorevole Martina Nardi, elogiata da Giani per il suo operato, e tanti rappresentanti della Lunigiana, quella Lunigiana che Giani intende mettere al centro del piano di sviluppo per una Toscana diffusa. A fare gli onori di casa il segretario comunale Pd Norberto Riccardi e il giornalista Vladimiro Frulletti ha coordinato l’incontro.