I vigili del fuoco
I vigili del fuoco

Grosseto, 17 luglio 2019 - Ieri sera dopo le 23 i vigili del fuoco, insieme al nucleo Nbcr (Nucleare - biologico - chimico – radiologico), sono intervenuti alla stazione di Grosseto per una sospetta fuga di gas che sembrava potesse provenire dalla cisterna di un treno merci. Per consentire i controlli e la messa in sicurezza della cisterna il traffico ferroviario è stato bloccato fino alle 2.40 di stamani. Sul posto anche tecnici delle ferrovie, personale Arpat, Polizia ferroviaria e carabinieri. Secondo quanto riferito da Ferrovie dello Stato italiane, la segnalazione sarebbe arrivata direttamente a Ferrovie da un cittadino che in zona Talamone, al passaggio del convoglio, avrebbe sentito un odore strano molto somigliante a quello del gas. Da lì il timore che potesse essere qualche perdita. A quel punto è scattata la procedura di sicurezza. Ferrovie ha allertato i vigili del fuoco e il treno è stato fermato alla stazione di Grosseto. Il treno e il carro che trasportava una cisterna di gas sono stati ispezionati in maniera molto approfondita, ma, fortunatamente, non è stato rilevato nulla di anomalo. L'intervento di Arpat sarebbe stato richiesto per la presenza di due carri che trasportavano rifiuti diretti in Lombardia e che si temeva potessero essere non conformi. Anche in questo caso tutti i sopralluoghi e gli approfondimenti del caso hanno dato esito negativo. Il convoglio era partito in serata da Pomezia ed era diretto a Busto Arsizio, dove è arrivato con notevole ritardo.