Italia-Argentina (foto Germogli)
Italia-Argentina (foto Germogli)

Firenze, 24 ottobre 2018 - Il grande rugby internazionale torna a Firenze, con il capoluogo toscano ancora una volta scelto dalla Federazione italiana  rugby come sede di uno dei Cattolica Test Match di novembre. L'appuntamento al "Franchi" è fissato per il 10 novembre alle 15 per la sfida tra Italia e Georgia

Per il presidente della Fir, Alfredo Gavazzi, «comincia un anno lungo e difficile per Conor, per la squadra e per tutto il rugby, ma affrontiamo le sfide di novembre con la fiducia che ci deriva dalla consapevolezza di aver intrapreso il giusto percorso, confortati dai risultati e dalle prestazioni positive delle nostre due franchigie in questo inizio di stagione. La definizione di un nuovo accordo con Pro14 pone basi importanti in chiave futura per continuare lo sviluppo del nostro alto livello».

Secondo Gavazzi, «i Test Match rappresentano un grande evento per il pubblico sugli spalti - continua Gavazzi - e uno straordinario mezzo di promozione del nostro sport, in cui la messa in onda in chiaro da parte di Discovery Italia su Dmax riveste un ruolo cruciale».

In occasione dei Cattolica Test Match di novembre, sarà possibile per i possessori dei biglietti delle tre partite della Nazionale italiana visitare gratuitamente insieme con un accompagnatore alcuni musei nelle città sedi dei match (vedi lista dei musei in calce) durante i week end delle partite grazie all'atto d'intesa stipulato tra la Fir e il ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo).

A Firenze, da venerdì 9 a domenica 11 novembre 2018 sarà possibile visitare gratuitamente Palazzo Davanzati e il Museo del Bargello

L'iniziativa si iscrive nell'ambito di IV Tempo - Rugby e Cultura, il contenitore che la Fir ha deciso di istituire per generare una legacy virtuosa rivolta al proprio pubblico fatto di giovani e famiglie che superi il momento di festa del Terzo Tempo affinché in occasione di un grande evento internazionale si possa dare  l'opportunità di far conoscere le bellezze e la cultura del nostro Paese.