Firenze, 16 novembre 2016 - Dopo la serie di presentazioni in alcune librerie delle varie città italiane "Room 2401", il secondo diosco di Giulia Mazzoni, va a incontrare il pubblico con una serie di concerti in Italia e all'estero. Si parte da Firenze, in pratica "in casa" di Giulia, pianista e compositrice pratese che vive proprio nel capoluogo toscano.

L'appuntamento è fissato per venerdì 18 novembre alla Sala Vanni (piazza del Carmine) alle 21. "E' un onore per me suonare in Toscana e a Firenze" ci dice Mazzoni, visibilmente emozionata per questo tour. "Non vedo l'ora di fare ascoltare alle persone la musica di questo progetto", dice l'artista. "Oltretutto _continua Mazzoni_ è bello cominciare dalla Sala Vanni, uno spazio splendido, un luogo di spiritualità come la chiesa di San Marco a Brera a Milano dove ho registrato il disco".

"Room 2401" racconta esperienze reali o sogni, seguendo la linea creativa di Mazzoni: condividere le emozioni attraverso la musica, "emozionarsi per emozionare". Così, si passa da una passeggiata sul ghiaccio sulle sponde del lago Michigan ("Winter's Dream") alle emozioni struggenti di una visita al museo dell'immigrazione di Ellis Island a New York ("Ellis Island").

 

Un viaggio che spazia dal fascino dello splendido ritratto che Modigliani fece nel 1919 al suo amore Jeanne Hebuterne ("Rebel Muse") alla celebrazione di "una stella coraggiosa che ha difeso i propri sogni" ("Merope"). Un disco arricchito anche dalla partecipazione di Nyman, che ha riarrangiato per due pianoforti ed eseguito con lei una nuova versione di un brano di una delle sue colonne sonore: 'The Departure' (da 'Gattaca').

 

>

 

Dopo il via da Firenze, poi il tour toccherà altre città italiane, tra le quali Bologna (20 novembre al Bravo Caffè), Verona (23 novembre Teatro Camploy) Napoli (10 dicembre Museo Emblema) e altre. Quindi appuntamenti televisivi e, in primavera, il tour in Cina, Giappone, Corea e Hong Kong.