Valentina Piccini nella foto incriminata
Valentina Piccini nella foto incriminata

Sansepolcro (Arezzo), 30 maggio 2016 - Fino a che punto è giusto postare foto su Instagram? C'è un limite al racconto della propria vita? Sono domande roventi sul web in queste ore dopo che una donna di Sansepolcro ha postato sul suo profilo Instagram una foto di lei mentre allatta il proprio bambino. Una foto di grande naturalezza e poesia, ma che postata sui social ha creato un lungo e articolato dibattito debordato poi sui giornali. E' la storia di Valentina Piccini, 34 anni, di Sansepolcro, che scrive sul sito "Mammeaspillo", una community di mamme che si raccontano nella grande sfida dell'educazione dei figli. Durante l'allattamento in un luogo pubblico, un ristorante di Sansepolcro, Valentina posta la foto. Molti i commenti positivi "E' una foto bellissima, ho allattato anche io in pubblico", ma ci sono stati anche commenti di chi ha visto in questa foto una forma di esibizionismo.

 

Giuseppino fa già vita mondana... Tanto la pappa per lui è sempre pronta💙 #giuseppinomonamour #breastfeeding #vitadamamma #mammeaspillo

Una foto pubblicata da Valepiccini👠 (@mammeaspillo) in data:

La risposta di Valentina Piccini è arrivata sempre a mezzo social: "Era la prima uscita "ufficiale" di mio figlio e volevo dire "donne non chiudetevi in casa, quello che fate in casa con un neonato potete farlo anche fuori. Mi hanno tacciato di OSTENTAZIONE del seno, di PROVOCARE, addirittura una ha detto "è tuo diritto allattare, ma è mio diritto mentre sono al ristorante che tu non lo faccia mentre io mangio". Donne, io sono sempre molto pacata ma stavolta ve lo dico e date pure la colpa agli ormoni: se vedere qualcosa di sessuale in questa foto, se ci vedete una provocazione, se provate schifo a vedere un neonato allattato dalla sua mamma mentre voi mangiate le tagliatelle... Avete dei problemi. Seri. E ve lo dice una che l'allattamento non lo ama nemmeno ma che in questa foto vede soltanto tenerezza.